testata
Archivio Editoriali - 9 Luglio 2022
a cura di Fiorenzo Pampolini

I VENT'ANNI DI 45 MANIA E L'ULTIMO SALUTO AL "CAMALEONTE" TONINO CRIPEZZI

Cari amici, 45mania.it compie 20 anni. Ebbene sì, correva il mese di luglio dell’anno 2002 quando Manlio Di Meglio, da sempre appassionato di musica e collezionista di dischi in vinile, decise di fondare questo sito, che, a 20 anni di distanza, è sempre on line.

Ogni settimana, da 20 anni, il sito viene aggiornato con una vetrina di 45 giri vintage, e con una nota storica, l’editoriale, che personalmente ho iniziato a curare dal 2009. Sono stati 20 anni di racconti, di ricordi, di musica, la nostra compagna di vita che non ci abbandona mai.

Abbiamo spaziato su ogni genere di musica, con preferenza ai generi più in voga del periodo del 45 giri, come il beat negli anni 60, il cantautorato negli anni 70, il pop negli anni 80… Ed abbiamo fatto anche qualche incursione in tempi più recenti, quando il vinile aveva ceduto il posto alle musicassette, poi ai CD ed infine al digitale, con gli mp3, e le varie piattaforme musicali presenti in rete.

In realtà, il vinile non è mai stato abbandonato del tutto, costituisce da sempre oggetto di collezione, ma non solo. Recentemente, molti artisti hanno fatto ricorso al vinile affiancando all’incisione digitale e su CD dei loro lavori, nuovi album a 33 giri.

Dieci anni fa, celebrando i 10 anni di 45mania, l’amico Manlio raccontava che siti come il nostro hanno contribuito ad evitare la fine del disco in vinile, e aggiungerei anche a riscoprirne il fascino. Ricordo, molti anni fa, quando il disco a 45 giri costava 750-800 lire, e non se ne potevano comprare tanti… quando ne ricevevo in regalo qualcuno, li consumavo a suon di farli girare sul piatto, ed ancora oggi è vivo il ricordo della puntina che scendeva sui solchi, il leggero fruscio prima dell’inizio del brano, e poi i tre mitici minuti della canzone.

Alla fine, il braccio del giradischi si sollevava da solo, e tornava a posizionarsi al suo posto, ma spesso, per limitare lo spazio tra due canzoni, ne anticipavo a mano i movimenti e con l’altra mano posavo sul piatto un altro 45 giri che avevo appena estratto dalla sua custodia. Già, le custodie del 45 giri, che davano libero sfogo ai creativi dell’epoca per inventare foto di culto che rimanevano ben impresse nella mente.

In realtà, nei primi anni ’60, ci fu anche un periodo di risparmio sulle foto, e considerato anche che i cantanti che avevano più successo come Mina o Celentano incidevano decine di 45 giri all’anno, la stessa foto di copertina veniva riciclata per diversi singoli consecutivi.

Purtroppo, durante i 20 anni di esistenza di 45mania, abbiamo dovuto scrivere diversi “coccodrilli” (come si dice in gergo giornalistico), ovvero rendere omaggio a grandi protagonisti della musica che ci hanno lasciato.

E, a questo proposito, dobbiamo oggi inviare l’ultimo saluto a Tonino Cripezzi, leader storico dei Camaleonti, uno dei gruppi italiani di maggior successo degli anni ’60 (insieme ai Rokes, italiani di adozione, ai Nomadi, all’Equipe 84, ai Dik Dik).

Tonino era presente nel gruppo fin dal 1963, ovvero dalla sua fondazione, quando ancora si chiamavano Mods e poi Beatnicks. Nel 1965 decidono di chiamarsi i Camaleonti e da allora la voce e le tastiere sono sempre stati affidati al bel Tonino, che, oltre a piacere per la sua musica, faceva innamorare le ragazze dell’epoca.

Insieme all’altro storico componente dei Camaleonti, Livio Macchia, la formazione era tuttora in attività. Ci piace ricordarli al Festival di Sanremo 1993 con una bellissima canzone (inspiegabilmente eliminata al primo turno) portata in gara dai Camaleonti insieme ai “rivali” degli anni ’60, ovvero i Dik Dik e Maurizio Vandelli dell’Equipe 84.

“Come passa il tempo”, si intitolava questa canzone, e purtroppo per Tonino e tutti i suoi fans, il tempo si è fermato in un albergo della provincia di Chieti nella notte del 3 luglio 2022, quando il bel Tonino, 76enne, ci lascia improvvisamente nel sonno dopo una serata passata sul palco con i compagni di una vita.

Ciao, Tonino. Da lassù farai ancora innamorare le protagoniste di tante tue canzoni, da “Piccola Venere” a “Viso d’angelo”, canterai ancora “Chiedi chiedi”, “Io per lei”, “Portami tante rose”, “L’ora dell’amore”, “Perché ti amo”… e riceverai tantissimi “Applausi” per l’ “Eternità”.

E ci fermiamo qui, pronti ad entrare nel 21esimo anno di attività, per raccontarvi ancora tante storie, per rivivere il passato, e per parlare ancora e sempre di musica, certi che tutti voi, che ci seguite da 20 anni, continuerete a farlo per altri 20 e più anni. Grazie a voi, possiamo chiudere questo editoriale come nei più seguiti romanzi di appendice, con una sola parola…  “continua”. 

Appuntamento a sabato prossimo!
Buona settimana!

La foto della settimana

Ciao Tonino (1946-2022)! (Foto da Google Immagini)

In calce all’editoriale dell’amico Fiorenzo Pampolini mi voglio associare a lui negli auguri a 45 Mania e contestualmente ringraziarlo, perché se abbiamo avuto la forza di tagliare questo traguardo, che per un sito amatoriale è quasi un record, è anche grazie a lui vera e propria colonna portante di 45 mania, con la promessa che stiamo preparando una (spero) grande sorpresa per tutti coloro che hanno amato e continuano ad amare il jukebox. Continuate a seguirci nelle prossime settimane e saprete di cosa si tratta. A presto.

Manlio Di Meglio