testata
a cura di Fiorenzo Pampolini

CANTAGIRO 1968 (SECONDA PARTE): GIRONE A: VINCE LA CASELLI, GIRONE B FUTURI NOMI COME BATTISTI, REITANO, MAL, GIUNI RUSSO E RICCHI E POVERI

Cari amici, riprendiamo il discorso sulla settima edizione del Cantagiro che si svolse 50 anni fa dal 19 giugno al 6 luglio. La scorsa settimana ci siamo occupati del girone A (i Big), ora vediamo l’elenco dei 21 giovani in gara nel girone B.

Anonima Sound (Parla tu)
Kim Arena (Che cosa farai)
Lucio Battisti (Balla Linda)
Clay Catalano (Le va di fare un ballo)
Nancy Cuomo (Ieri, solo ieri)
Rinaldo Ebasta (Vado pazzo per Lola)
Elio Gandolfi (Un anno di più)
The Honeybeats (Fai un po’ quello che vuoi)
Sergio Leonardi (Non ti scordar di me)
Mal (Bambolina)
Silvano Mattei (Pioggia di settembre)
Franco Mechilli (Mi perderò)
Mini Molly (L’ultima preghiera)
Oscar (Benvenuto fortunato)
Mino Reitano (Avevo un cuore che ti amava tanto)
Ricchi e Poveri (L’ultimo amore)
Giusy Romeo (L’onda)
Rosella Santo (Per amore)
The Showmen (Un’ora sola ti vorrei)
Gli Scooters (La figlia del re del pomodoro)
Mario Tessuto (Ho scritto fine)

Anche nel girone dei cadetti, non mancano le cover. Kim Arena, un capellone francese, nato per caso in Sicilia, è in gara con il brano che lui stesso ha lanciato oltre confine dal titolo “Ou sont les amis”. Mal, abbandonati i Primitives, partecipa come solista con la cover di “Any day now”. The Honeybeats, un gruppo femminile, propongono la cover di un successone dei Bee Gees, ovvero “Words”.

Anche i Ricchi e Poveri, al loro debutto in una importante gara musicale, scelgono una cover, ovvero “Everlasting love”. Il gruppo è formato da quattro ragazzi di Genova, i biondi Marina Occhiena (nata nel 1950) e Angelo Sotgiu (1946) e, e i bruni Angela Brambati (1947) e Franco Gatti (1942). Provenienti da precedenti esperienze musicali, decidono nel 1967 di formare un quartetto vocale sul modello dei Mamas and Papas. Al Cantagiro arrivano in finale, e da qui inizia la scalata al grande successo.

Rivedute e corrette, sono in gara anche due vecchie canzoni del tempo che fu. I loro interpreti le hanno trasformate e adattate alle loro voci, aggiungendo anche un pizzico di blues. Parliamo di “Non ti scordar di me” di Sergio Leonardi e di “Un’ora sola ti vorrei” degli Showmen. Da segnalare inoltre Giusy Romeo (Giuni Russo), che si era messa in luce l’anno prima vincendo il Festival di Castrocaro, e il gruppo Anonima Sound, fondato nel 1964 da un gruppo di ragazzi tra i quali c’è anche Ivan Graziani (nato a Teramo nel 1945 e morto nel 1997). Il gruppo si scioglierà nel 1970, quando Graziani inizia la sua carriera di solista, e in questa veste il grande successo arriverà soltanto nel 1977 con “Lugano addio”.

Mino Reitano è ancora nel girone B, ma l’exploit di “Avevo un cuore” lo consacra tra i nostri big della canzone. Il relativo 45 giri stazionerà in Hit Parade per diverse settimane. Infine, Lucio Battisti. Come già si è detto, il cantautore reatino incide, nella primavera del 1968, un 45 giri, e porta a “Un disco per l’estate” e al Festivalbar il lato A (“Prigioniero del mondo”) e al Cantagiro il lato B (“Balla Linda”). A Recoaro Terme, il buon piazzamento in finale contribuisce al successo del pezzo, mentre la canzone del “Disco per l’estate” sarà quasi dimenticata.

Ma ecco la graduatoria finale. Nel girone B i finalisti sono 11, e possono così esibirsi davanti alle telecamere nella serata del 6 luglio. All’11 posto, si classifica Mini Molly, al 10° Nancy Cuomo, al 9° I Ricchi e Poveri, all’8° Mal, al 7° Gli Scooters, al 6° Mario Tessuto, al 5° Sergio Leonardi, al 4° Lucio Battisti, al 3° Elio Gandolfi, al 2° Mino Reitano.

Vincono il Cantagiro 1968, girone B, Gli Showmen con “Un’ora sola ti vorrei”. La canzone degli anni Trenta viene proposta dal gruppo con un arrangiamento rithm and blues. Leader del gruppo è Mario Musella, nato a Napoli nel 1945 e prematuramente scomparso nel 1979. Insieme a lui, suonano altri cinque ragazzi: Franco Del Prete, James Senese, Luciano Maglioccola, Elio D’Anna e Giuseppe Botta. La voce di Mario è calda, profonda e potente, ma nel 1970, dopo una serie di successi, il gruppo si scioglie, e Musella continua la carriera come solista. Lo ritroveremo a “Un disco per l’estate” nel 1972 e nel 1975.

E vediamo ora la graduatoria finale relativa al girone A. Anche qui i finalisti sono 11. All’11° posto si classifica Antoine, 10° I Dik Dik, 9° Bobby Solo, 8° Gian Pieretti, 7° I Rokes, 6° Massimo Ranieri, 5° Jimmy Fontana, 4° I Camaleonti. Al terzo posto, si classifica Dalida con “Un po’ d’amore”(776 voti). Secondo posto per Gianni Morandi con “Chimera(779 voti).

Vince il Cantagiro 1968 girone A Caterina Caselli con Il volto della vita”(784 voti).