testata
Archivio Editoriali - 6 Novembre 2021
a cura di Manlio Di Meglio

BUON COMPLEANNO, RAIDUE! IL 4 NOVEMBRE 1961, LA RAI INAUGURA IL SECONDO PROGRAMMA TV

Cari amici, 60 anni fa, il 4 novembre 1961, la RAI inaugura il Secondo Programma televisivo. Fino ad allora, e a partire dal 1954, c’era un solo canale, e quindi, parlando di trasmissioni televisive, bastava citare in generale la TV. Ora ci sono due canali, che, anziché con i loro nomi ufficiali, Programma Nazionale e Secondo Programma, la gente inizia a chiamare Primo e Secondo Canale.

La serata inaugurale del Secondo Programma TV è dedicata ad un ricordo della Grande Guerra, nella ricorrenza del 4 novembre. Poi, dalla settimana successiva, c’è una programmazione più variegata, con spettacoli musicali e di varietà, prosa e telefilm. Per diversi anni, il Secondo Programma ospita le prime due serate del Festival di Sanremo (e di molte altre manifestazioni canore del periodo), mentre la finale va in onda sul Programma Nazionale.

Il Secondo ha il suo Telegiornale, che all’epoca era testata unica, ed era diretto da Enzo Biagi. Nei primi tempi, andava in onda in seconda serata, poi fu spostato alle ore 21 in apertura di trasmissioni. La pubblicità fece il suo debutto sul Secondo qualche mese dopo l’inaugurazione, con una serie di spot in onda fra il Telegiornale e lo spettacolo di prima serata, uno spazio che fu chiamato “Intermezzo”.

Il Secondo Programma lanciò trasmissioni di grande ascolto come “Giochi senza frontiere” a partire dal 1965, e il quiz “Rischiatutto” a partire dal 1970, con Mike Bongiorno. Nel 1969, Renzo Arbore conduce sul Secondo Programma “Speciale per voi”, un programma dedicato ai protagonisti della canzone italiana, intervistati in studio dai giovani dell’epoca.

Nel 1975 fu messa a punto la grande riforma della RAI che entrò in vigore nel mese di marzo 1976, quando il Telegiornale unico si scisse in TG1 e TG2. Le reti televisive assunsero i nuovi nomi di Rete 1 e Rete 2, e poi dal 1983, gli attuali nomi Raiuno e Raidue.

Dopo la riforma, la Rete 2 era considerata la rete meno tradizionalista, più spregiudicata e persino trasgressiva (per quel che può valere questo aggettivo alla fine degli anni ’70). Fecero scalpore alcune interviste del settimanale TG2 Odeon, a cura di Brando Giordani, mentre Renzo Arbore fu il mattatore de “L’altra domenica” con Andy Luotto, in alternativa alla più popolare “Domenica In”. E lo stesso Arbore inventò per la seconda rete RAI un paio di appuntamenti che diventarono dei veri e propri programmi di tendenza per i giovani, ovvero “Quelli della notte” e “Indietro tutta”.

Tra i protagonisti della Rete 2, non possiamo dimenticare Enzo Tortora, tornato in RAI nel 1977 per condurre il suo mercatino del venerdì, ovvero “Portobello”, che raggiunse nella prima edizione un ascolto record di 28 milioni di telespettatori.

In tempi più recenti, Raidue ospita la prima edizione del talent “X-Factor” nel 2008 condotto da Francesco Facchinetti. Oggi, Raidue ha una programmazione di tipo generalista, proponendo reality show, intrattenimento, telefilm, docufiction, informazione, cartoni animati, divulgazione scientifica e sport. È stata la Rete delle Olimpiadi 2020 (che si sono svolte però nel 2021), trasmettendo 24 ore su 24 le gare in diretta e in replica, le premiazioni, gli approfondimenti, e le cerimonie di apertura e chiusura.

A ottobre del 2020, debutta in seconda serata “Una pezza di Lundini”, show condotto da Valerio Lundini basato su una comicità di tipo “non sense”, nel quale si succedono gag con protagonisti lo stesso conduttore e gli ospiti.

E noi vogliamo inviare i nostri auguri a Raidue per i suoi 60 anni di attività, citando una grande sigla lanciata proprio da un programma televisivo del Secondo Programma, andato in onda tra luglio e agosto del 1966, curato da Maurizio Costanzo e Ghigo De Chiara. Il titolo del programma è “Aria condizionata”, e la sigla, composta dagli stessi Costanzo e De Chiara insieme ad Ennio Morricone (e scusate se è poco) è una delle più note della cantante di Cremona, ovvero “Se telefonando”, ripresa in tempi recenti anche da Nek. Nel link, un estratto dalla sigla del programma.

https://www.youtube.com/watch?v=J2btBZsHcHI

Buon compleanno, Raidue!

La foto della settimana

1961: l’annunciatrice Aba Cercato posa per il Radiocorriere TV insieme ad un televisore che trasmette il monoscopio del neonato “Secondo Programma”