testata
Archivio Editoriali - 30 Maggio 2009
a cura di Fiorenzo Pampolini

AUGURI, ORIETTA! FIN CHE LA BARCA VA....

Cari amici, questa settimana vogliamo inviare gli auguri di buon compleanno ad una artista della canzone italiana che, nonostante il suo genere di musica avesse poco da spartire con le nuove tendenze musicali degli anni Sessanta, ha saputo essere, grazie alla sua voce e alla sua semplicità, una protagonista della canzone italiana nel periodo d’oro del 45 giri.

Orietta Galimberti in Paterlini, in arte Orietta Berti, è nata a Cavriago, in provincia di Reggio Emilia, il 1° giugno del 1945, figlia unica di agricoltori, studentessa delle commerciali, allieva del Conservatorio bolognese, hostess mancata perchè i dirigenti di una Compagnia aerea le fecero notare che il suo metro e sessanta scarso era piuttosto distante dalle misure necessarie richieste.

Il suo debutto ufficiale nel mondo della canzone risale al 1961 con la partecipazione ad un concorso ENAL a Reggio Emilia, poi si fa notare cantando in italiano le canzoni di Suor Sorriso, una monaca belga che ha venduto milioni di dischi in tutto il mondo. C’è sempre stata nella sua attività canora una costante tangente di dolcezza. I primi a volerle bene furono gli ascoltatori di “Sorella Radio”, nota trasmissione radiofonica per gli infermi: Orietta canta infatti nelle carceri e negli ospedali.

Nel 1965, partecipa alla seconda edizione di “Un disco per l’estate”, vincendo con il suo primo successo commerciale Tu sei quello. E’ la prima di una lunga serie di partecipazioni alle più famose gare dell’epoca, da Sanremo a Canzonissima al Disco per l’estate, manifestazione per la quale Orietta detiene il record di partecipazioni (10 presenze su 12 edizioni).

Le sue prime canzoni parlano d’amore su temi musicali melodici. Orietta è timida, e ogni volta, prima di cantare, per darsi coraggio, manda giù un grappino tutto d’un fiato. Intanto, alcuni suoi successi varcano i confini dell’Italia grazie ad incisioni di artisti internazionali come Cliff Richard che vende un milione e centomila copie della versione inglese di Solo tu, mentre i Tremeloes, un complesso inglese, portano in testa alle classifiche inglesi la loro versione di Non illuderti mai che valse ad Orietta Berti il secondo posto al Disco per l’estate del 1968.

E proprio con quest’ultima canzone, inizia il sodalizio tra la Berti e il noto trio di autori Pace, Panzeri e Pilat. In questo periodo, il genere di Orietta cambia, e per alcuni anni le sue canzoni si possono definire delle allegre filastrocche in musica, come L’altalena, Tipitipitì, Via dei Ciclamini e l’arcinota Fin che la barca va. La critica la snobba, i giovani ascoltano tutt’altra musica e la considerano fuori dal tempo, ma lei non se ne cura, e con questi pezzi colleziona una serie di ottimi piazzamenti, sia nelle gare canore alle quali partecipa, sia nelle classifiche di vendita dei 45 giri.

Poi, inevitabilmente, inizia un periodo di declino, ma Orietta, spiritosa e autoironica, non si fa problemi e nel 1981 partecipa al Festival di Sanremo con La barca non va più. Negli anni successivi, Orietta si scopre anche conduttrice televisiva, e partecipa a molte trasmissioni televisive sia RAI che Mediaset. Recentemente (2008), ha inciso un album dal titolo “Swing, un omaggio alla mia maniera” nel quale reinterpreta, a modo suo, alcuni classici della musica leggera. Subito dopo, è uscito un cofanetto dal titolo “Gli anni della Polydor” (la sua casa discografica degli anni Sessanta/Settanta) che racchiude 5 CD con l’intera produzione della cantante emiliana dal 1963 al 1978.

Dunque la barca ha ripreso ad andare, e Orietta continua a “cantare le note”, come lei stessa disse una volta in un’intervista. E infatti, nella sua lunga carriera, nessuno ha mai sentito stonare Orietta Berti.

Auguri, Orietta!!

E, a proposito di compleanni, i nostri migliori auguri vanno anche a ...

31 maggio: Remo Germani (71 anni), Gilda (59), Fabio Concato (56), Enzo Malepasso (55), Gigi Finizio (44)
1 giugno: Pat Boone (75), Alberto Radius (66), Orietta Berti (64), Dodi Battaglia dei Pooh (58)
2 giugno: Gianni Meccia (78), Paolo Bruni dei Negrita (42), Riccardo Maffoni (32)
3 giugno: Enzo Jannacci (74), Claudio Lippi (64), Suzi Quatro (59), Alberto Fortis (54)
4 giugno: Antoine (65), Luca Madonia (52), Den Harrow (47), Nikka Costa (37)
5 giugno: Enrico Ruggeri (52), Marina Rei (40)