testata
a cura di Fiorenzo Pampolini

LUGLIO 1968: CANTA NAPOLI! 50 ANNI FA, IL FESTIVAL DELLA CANZONE NAPOLETANA

Cari amici, dall’11 al 13 luglio di 50 anni fa si svolge l’edizione 1968 del  Festival della canzone Napoletana. Dopo l’esperienza all’aperto del 1967, quest’anno si torna al Teatro Politeama di Napoli. Il Festival viene trasmesso in diretta radio e TV con inizio alle ore 21,15 per le prime due serate e alle ore 21 per la serata finale.

L’organizzazione è a cura dell’Ente per la Canzone Napoletana e dell’Ente “Salvatore Di Giacomo”. Presenta Mike Bongiorno, con la regia di Lino Procacci, le canzoni in gara sono 24, 14 delle quali superano il turno e accedono alla serata finale.

Tra gli interpreti, ci sono quasi tutti i big della canzone napoletana, come Mario Abbate, Sergio Bruni, Aurelio Fierro, Nunzio Gallo, Maria Paris, Giacomo Rondinella, Mario Trevi, più alcuni giovani cantanti già popolarissimi, come Tony Astarita, Mirna Doris, Peppino Gagliardi, Pino Mauro, Mario Merola ed altri.

Inoltre, sono in gara anche Claudio Villa, che soggiorna sul suo “Golden Eye”, di 18 metri, ancorato a Santa Lucia, e due cantanti stranieri, la cinese Mei Lang-chang, di Shanghai (ma vive a Roma da 5 anni), e l’americano Dean Reed, che arriva dal Colorado. L’obiettivo del Festival è che le cose vadano meglio degli ultimi anni e che si possa arrivare ad un risultato come quello del 1964, quando ci fu il boom di “Tu si na cosa grande”, cantata da Domenico Modugno e Ornella Vanoni.

Ma l’unica canzone che poteva avere qualche speranza, viene eliminata, si tratta di “Dimme ca tuorne a mme!”, scritta da Vittorio De Sica con il figlio Manuel. Protagonista delle tre serate, insieme alla musica, è il caldo torrido, una delle coriste di Nora Orlandi è vittima di un collasso.

Ma ecco l’elenco delle 24 canzoni in gara (la lettera F indica le canzoni finaliste) con i relativi interpreti:

Ammore ‘e Napule   (Claudio Villa e Mirna Doris) F
Ammore mio (Nunzio Gallo e Floriana) F
Bandiera bianca (Sergio Bruni e Maria Paris) F
Canta st’ammore (Claudio Villa e Livia) F
Cchiù forte ‘e me (Mario Merola e Ben Venuti)
Comm’a nu sciummo (Mario Trevi e Mario Merola)
Core spezzato (Mirna Doris e Tony Astarita) F
Dimme ca tuorne a me (Nunzio Gallo e Luciano Tomei)
‘E carezze d’ ‘o munno (Tony Astarita      e Mei Lang-chang) F
Egregio milionario (Mario Abbate e Fulvio Picone)
Guappetella (Giacomo Rondinella e Antonio Buonomo) F
Lacrema (Mario Abbate e Mario Trevi) F
Meno 10 meno 5 meno 4 meno 3 (Maria Paris/ Giacomo Rondinella e Luciano Lualdi) F
Mezzanotte miezz’ ‘a via (Enrico Farina e  Tony Bruni)
Mo levo o nun mo levo (Giacomo Rondinella e Maria Paris) F
Napule e tu (Pino Mauro e Nino Delli)
Nun ‘o ssapevo (Dean Reed e Paola Orlandi)
Nun voglio vivere accussì (Don Franco con B. Baresi and The Brothers e Mario Da Vinci)
‘O munno è na palla (Nunzia Greton e Cinzia) F
‘O timido (Aurelio Fierro e Vittorio Marsiglia) F
‘O trapianto (Aurelio Fierro ed Enza Nardi) F
Ricordo ‘e maggio (Aurelio Fierro e Mei Lang-chang) F
Serenata azzurra (Sergio Bruni e  Luciano Tomei)
Sott’ ‘e stelle (Peppino Gagliardi e Guido Russo

La serata finale si conclude con la proclamazione dei vincitori. Al terzo posto si classificano ex aequo “Ammore ‘e Napule”, di Maresca e Pagano, cantata da Mirna Doris e Claudio Villa e “Guappetella”, di Esposito e Romeo, cantata da Antonio Buonomo e Giacomo Rondinella. Secondo posto per “Bandiera bianca”, di De Crescenzo-Alfieri-Benedetto, cantata da Sergio Bruni e Maria Paris.

Vince il Festival di Napoli 1968, “Core spezzato”, di Russo e Mazzocco, cantata da Tony Astarita e Mirna Doris.