testata
Archivio Editoriali - 24 Dicembre 2022
a cura di Fiorenzo Pampolini

LE HIT PARADE DI NATALE DI 60, 50, 40 ANNI FA

Cari amici, eccoci di nuovo a Natale, e noi, prima degli auguri ripercorriamo come ogni anno le classifiche di vendita dei dischi di 60, 40 e 50 anni fa, ovvero le canzoni che più si ascoltavano a Natale del 1962, del 1972 e del 1982.

22 dicembre 1962: al decimo posto dei 45 giri più venduti c’è il cantante e attore statunitense Henry Wright, nato nel 1933, con il suo più grande successo in Italia, ovvero “Abat-jour”. Il pezzo sarà utilizzato nell’anno successivo da Vittorio De Sica per accompagnare il celebre strip-tease di Sofia Loren davanti a Marcello Mastroianni nel film “Ieri, oggi, domani”.

Nono posto per Ricky Gianco, con “Tu vedrai”, un pezzo che costituisce la continuazione del grande successo di Celentano “Pregherò”. Altri due cantanti statunitensi molto popolari anche da noi sono presenti all’ottavo e al settimo posto. Sono rispettivamente Paul Anka con “Ogni notte (Every night)” e Neil Sedaka, con “Tu non lo sai”.

L’orchestra del maestro Franck Pourcel è al sesto posto con la versione strumentale di un pezzo che conoscerà anche un buon successo nelle versioni cantate di Petula Clark e Betty Curtis, ovvero “Chariot”. Quinto posto per Domenico Modugno, reduce dalla sua terza vittoria a Sanremo con “Addio addio” insieme a Claudio Villa, con il suo nuovo singolo “Stasera pago io”.

Al quarto posto c’è Peppino Di Capri, che in quello stesso 1962, aveva lanciato il twist in Italia con “Let’s twist again”, ed ora è in classifica con “Addio mondo crudele”. Al terzo posto ancora un attore e cantante statunitense, Pat Boone, con “Speedy Gonzales”, pezzo che in italiano viene ripreso da Peppino Di Capri.

Secondo e primo posto per Adriano Celentano, che in quel 1962 aveva inciso ben 7 45 giri. Al secondo posto c’è “Si è spento il sole”, mentre in vetta alla classifica c’è la cover di “Stand by me” di Ben E. King, che in italiano diventa “Pregherò”. Questo pezzo risulterà a fine anno, il 45 giri più venduto di tutto il 1962, e resterà tra i primi 10 anche nei primi due mesi del 1963.

Natale 1972: in decima posizione c’è un pezzo solo strumentale dal titolo “Popcorn”. Il brano era stato composto tre anni prima da Gershon Kingsley e poi inciso in diverse versioni nel mondo. In Italia, la versione de La Strana Società diventa molto popolare anche grazie al fatto che è stata scelta come stacchetto musicale nella trasmissione televisiva “La Domenica Sportiva”.

Nono posto per la colonna sonora del film “Arancia meccanica” di Walter Carlos, mentre all’ottavo posto c’è l’ultimo singolo di Lucio Battisti “Il mio canto libero”, tratto dall’album omonimo. Settimo posto per i Pooh con “Cosa si può dire di te”, tratto dall’album “Alessandra” e riproposto due anni dopo nella raccolta “I Pooh 1971-1974”.

Al sesto e al terzo posto, ci sono altri due brani solo strumentali, rispettivamente “Il gabbiano infelice” eseguito al moog da Il Guardiano del Faro, al secolo Federico Monti Arduini, e la colonna sonora del film “Il padrino”, eseguita dal duo Santo & Johnny.

Quinto posto per Mia Martini, reduce dal grande successo estivo “Piccolo uomo”, con il suo nuovo singolo “Donna sola”, mentre al quarto posto c’è il gruppo veneto rock-prog Le Orme con “Gioco di bimba”.

Al secondo posto c’è Loretta Goggi con la sigla di Canzonissima 1972 “Vieni via con me”, mentre la canzone regina è “Questo piccolo grande amore” di Claudio Baglioni, che resterà tra i primi dieci fino al mese di aprile del 1973.

Natale 1982: parla quasi esclusivamente inglese la Top Ten di quel periodo, con una sola eccezione. Al quarto posto c’è un disco italiano, “Ballo ballo” di Raffaella Carrà. Si tratta della sigla iniziale della terza edizione del varietà televisivo “Fantastico”, condotto dalla Carrà insieme a Corrado, che vide il ritorno della showgirl in Italia dopo quattro anni di tour in giro per il mondo.

Al decimo posto c’è il gruppo britannico Ph.D. con “I won’t let you down”, al nono la cantante svedese Frida con “I know there’s something going on”, all’ottavo c’è Gazebo (al secolo Paul Mazzolini) con “Master piece”.

Settimo posto per i Pink Project, un gruppo italiano fondato dal compositore, tastierista e produttore Stefano Pulga assieme al chitarrista Luciano Ninzatti. Nei primi mesi del 1982, Pulga e Ninzatti ricevettero l'incarico di produrre un medley nel quale far convivere due pezzi di grande successo in quel periodo, “ Another Brick in the Wall (Part II)” dei Pink Floyd e “Mammagamma” degli Alan Parsons Project. Non esistendo all'epoca campionatori, né tantomeno la possibilità di mescolare tecnicamente registrazioni già esistenti, il team fu costretto a suonare per intero le due composizioni e a farne eseguire da musicisti di studio le parti cantate. Il risultato di questa produzione fu il singolo intitolato “Disco Project”.

Sesto posto per Gary Low con “You are a danger”. Anche dietro questo nome si nasconde un musicista italiano (di origini spagnole), Luis Romano Peris Belmonte, tra i pionieri del genere “italo disco” all’inizio degli anni Ottanta. Quinto posto per il gruppo hard rock statunitense Survivor con “Eye of the tiger”, dalla colonna sonora del film “Rocky 3” con Sylvester Stallone.

Terzo posto per “Der Kommissar”, la canzone più nota del cantante austriaco Falco, che ci ha lasciato a soli 41 anni nel 1998 per un incidente stradale. Secondo posto per il gruppo statunitense i Chicago con “Hard to say I’m sorry”. Il pezzo, proposto anche all’ultimo Festivalbar, è tratto dall’album “Chicago 16”.

Canzone regina della Hit Parade di Natale 1982 è “Words” di F.R. David, cantautore, compositore e bassista francese nato nel 1947 in Tunisia. “Words” è sicuramente il più grande successo di questo musicista, che tornerà in Italia nel 1983 per partecipare al Festivalbar con “I need you”.

Bene, cari amici, a questo punto ci salutiamo inviando a tutti voi i nostri migliori auguri per un Natale di pace e serenità, ma anche con tanta musica, fedele compagna della nostra vita. Ci ritroviamo la prossima settimana per l’ultimo nostro appuntamento del 2022.

BUON NATALE!

Le foto della settimana

I conduttori di “Fantastico 3” (1982) Raffaella Carrà e Corrado (foto da Google Immagini)

______________________________________________________________________________________