testata
Archivio Editoriali - 24 Ottobre2020
a cura di Fiorenzo Pampolini

OTTOBRE 1980: MILVA CANTA JANNACCI E IL NUOVO DISCORING, I CANTAUTORI GENOVESI E LA HIT PARADE

Cari amici, esattamente 40 anni fa esce un nuovo album di Milva. La “pantera di Goro”, che nel 1961 cantava “Il mare nel cassetto” e nel 1966 passò a Brecht grazie alla guida di Giorgio Strehler, ora negli anni Ottanta è approdata al mondo di Enzo Jannacci.

Il suo ultimo LP, infatti, “La Rossa” (edito da Ricordi) è un’antologia di canzoni scritte dal cantautore milanese. Milva riesce perfettamente nella operazione interpretativa. La sua voce ben si adatta alle storie popolar-fantastiche raccontate da Jannacci. Per la prima volta è una donna a cantare le sue storie divertenti e assurde.

È l’incontro di due artisti che per molti anni hanno respirato la stessa aria milanese, hanno frequentato gli stessi ambienti, hanno conosciuto gli stessi “folli” personaggi.  Il repertorio è quello classico di Jannacci, con canzoni come “Chissà se è vero”, “E io ho visto un uomo”, “Non finirà mai”, “Quando il sipario”, “Soldato Nencini”. Ci sono poi due canzoni dove Jannacci duetta con Milva (“Il dritto” e “Per un basin”) e la traccia di apertura dal titolo “La Rossa”.

La nuova Milva in maglietta, jeans e scarpe da ginnastica (così appare sulla copertina del disco) con questo LP dimostra di essere una vera e completa interprete che riesce sempre ad offrire prodotti stimolanti e interessanti. Questo “suo” Jannacci ne è la riprova.

Su Raiuno torna “Disco ring” con una nuova edizione, in onda la domenica pomeriggio alle 14,15 all’interno di “Domenica in”. Le novità riguardano il cast, non ci sono più Claudio Cecchetto (promosso al varietà “Scacco matto”) e Awana Gana (tornato a Tele Montecarlo). Il nuovo conduttore è Jocelyn insieme ai debuttanti Emanuela Pappalardo e Mauro Micheloni.

Il Disco ring del 1980 sarà leggermente diverso: innanzitutto si occuperà non solo di novità discografiche ma anche delle tournée e della vita professionale dei cantanti e del gruppi; poi vedrà il suo cast non rigidamente diviso a seconda dei compiti (presentatore, conduttore o disc-jockey), ma unito in familiare spirito di collaborazione con presenze mai controllate da un preciso protocollo bensì provocate dalle esigenze che di volta in volta emergeranno nel corso della trasmissione.

Il 30 ottobre e il 6 novembre, Raitre manda in onda “Concerto per tre”, ovvero la registrazione di un concerto che si era svolto nel precedente mese di luglio a Genova nei Giardini dell’Acquasola. All’evento, organizzato da Raitre in collaborazione con il Comune di Genova, hanno assistito oltre 11mila giovani e “supertrentenni”. Sono sfilati sul palco il regista radiotelevisivo Franco Franchi, Enrico Riccardi e Gianfranco Reverberi, insieme con il maestro Giorgio Calabrese che hanno eseguito brani del repertorio pre-scuola genovese “storica”, ovvero quella che si è aperta con la stagione d’oro dei vari Luigi Tenco (alcune sue canzoni sono state eseguite proprio in suo ricordo), Gino Paoli, Umberto Bindi e Bruno Lauzi, presenti alla manifestazione.

“È stata l’occasione per ripercorrere questi ultimi 30 anni di musica genovese, e quindi riascoltare gli esponenti della scuola che più ha rinnovato lo stile della canzone italiana”. Così ha detto Lionello De Sena, che insieme a Mario Colangeli ha avuto l’idea di proporre la manifestazione canora. E la serata si è poi conclusa con i giovani, espressione di una Genova difficile, nevrotica e industriale, cioè Sandro Giacobbe, Oscar Prudente e Franco Fanigliulo. Un concerto che ha dato inoltre la possibilità a nuove leve (gruppi rock e cantautori) di esprimersi, e far vedere che Genova è ancora una delle capitali della musicalità italiana.

E vediamo ora quali erano i dischi più venduti secondo la Hit Parade radiofonica di venerdì 23 ottobre 1980, condotta da Paolo Testa: decimo posto per “Baciami” di Marcella, nono per “Luna” di Gianni Togni”, ottavo per “Kobra” della Rettore. Al settimo posto ecco Ivan Graziani con “Firenze (canzone triste)”, al sesto Gianni Bella con “Dolce uragano”, al quinto i Krisma (il duo formato dal cantante Maurizio Arcieri e dalla moglie Christina Moser) con “Many kisses”, al quarto “You and me” di Spargo. Saliamo sul podio, dove troviamo al terzo posto Miguel Bosé con “Olympic games”, al secondo, dopo diverse settimane in vetta alla classifica, c’è Renato Zero con “Amico”. Balza al primo posto, l’ultimo singolo di Diana Ross, “Upside down”.

La Long Playing Hit, in onda il sabato alle 11, presentata da Francesco Acampora, vede al decimo posto i Rolling Stones con l’album “Emotional rescue”, al nono Pupo con “Più di prima”, all’ottavo i Police con “Zanyatta mondatta”, al settimo Diana Ross con “Diana”, al sesto Miguel Bosé con “Miguel”, al quinto Pino Daniele con “Nero a metà”, al quarto Renato Zero con “Tregua”.

Saliamo sul podio: al terzo posto ci sono Bob Marley and The Wailers con “Uprising”, al secondo i Pooh con “Stop”. In vetta c’è Lucio Dalla con l’album omonimo, che contiene canzoni famosissime come “L’ultima luna”, “Anna e Marco” e “L’anno che verrà”.

E a proposito di classifiche, non perdete di vista il nostro sito nelle prossime settimane perché sta per partire, in collaborazione con Radio fra le Note, un nuovo appuntamento settimanale che racconterà la storia delle Hit Parade degli anni ’60, ’70 e ’80.