testata
Archivio Editoriali - 21 Dicembre 2019
a cura di Fiorenzo Pampolini

LE SEMIFINALI DI CANZONISSIMA 1969 E 1959. DODICI INEDITI 50 ANNI FA, QUATTORDICI CANZONI DI SUCCESSO 60 ANNI FA

Cari amici, riprendiamo questa settimana il discorso su Canzonissima 1969, della quale vi abbiamo già parlato nelle scorse settimane. Il torneo canoro di fine anno, presentato da Johnny Dorelli e Raimondo Vianello, con le Gemelle Kessler, avrebbe dovuto entrare nella sua fase semifinale con due puntate in onda il 13 e il 20 dicembre.

Ma i tragici fatti di piazza Fontana a Milano, con l’attentato terroristico alla Banca Nazionale dell’Agricoltura del 12 dicembre che provocò la morte di 17 persone e il ferimento di altre 88, portarono alla sospensione in segno di lutto di tutte le trasmissioni radiotelevisive di musica e varietà, per cui gli artisti rimasti in gara si esibiscono nell’unica semifinale del 20 dicembre.

In questa terza fase del torneo canoro, i 12 cantanti devono partecipare con canzoni inedite, e il regolamento precisa che per “inedite” si intende composizioni nuove sia nel testo che nella musica, al fine di evitare, com’era accaduto l’anno precedente con le canzoni di Al Bano (“Mattino”) e di Claudio Villa (“Povero cuore”), che si attingesse al repertorio classico, ma anche il ricorso a cover di canzoni straniere, come nel caso di Gianni Morandi che aveva proposto “Scende la pioggia”, cover di “”Elenore” dei Turtles.

Ed eccoci dunque alla puntata del 20 dicembre, con l’elenco dei cantanti e le rispettive canzoni inedite portate in gara:

Al Bano (Mezzanotte d’amore)
Tony Astarita (Da quando Maria mi ha lasciato)
Orietta Berti (Una bambola blù)
Rosanna Fratello (Piango d’amore)
Little Tony (E diceva che amava me)
Milva (Io lo farei)
Domenico Modugno (Come hai fatto)
Gianni Morandi (Ma chi se ne importa)
Nada (Innamorata di te)
Massimo Ranieri (Se bruciasse la città)
Marisa Sannia (La finestra illuminata)
Claudio Villa (Il sole del mattino)

Le giurie in studio e i telespettatori con il biglietto della Lotteria Italia votano i loro preferiti, e scelgono così i magnifici sei che ripeteranno il loro inedito nella puntata di sabato 27 dicembre e poi nella finalissima del 6 gennaio. Passano il turno Al Bano, Orietta Berti, Domenico Modugno, Gianni Morandi, Massimo Ranieri e Claudio Villa.

Nell’ormai tradizionale duello finale, che si ripete da diverse edizioni, tra Villa e Morandi, si inserisce dunque il terzo incomodo Massimo Ranieri che sarà protagonista anche delle successive edizioni. Chi vincerà lo scontro finale dell’Epifania? Lo scopriremo nelle prossime settimane.

Dieci anni prima, anche la Canzonissima del 1959, condotta da Delia Scala, Nino Manfredi e Paolo Panelli, si avviava al gran finale. A seguito delle votazioni degli ascoltatori, sono state prescelte le sette canzoni dell’edizione in corso, che unitamente alle sette dell’edizione precedente, sono sottoposte al referendum tra gli acquirenti dei biglietti della Lotteria di Capodanno. Ecco l’elenco:

Arrivederci, di Bindi-Calabrese, cantata da Miranda Martino e Nicola Arigliano
Arrivederci Roma, di Rascel-Garinei-Giovannini, cantata da Claudio Villa
Cerasella, di Pirro-Bonagura-Sciorilli, cantata da Gino Latilla
Io sono il vento, di Fanciulli-Testoni, cantata da Arturo Testa
L’edera, di Seracini-D’Acquisto, cantata da Nilla Pizzi
Mamma, di Bixio-Cherubini, cantata da Nunzio Gallo
Nel blù dipinto di blù, di Modugno-Migliacci, cantata da Gloria Christian
Nessuno, di Capotosti-De Simone, cantata da Mina e Wilma De Angelis
Piove, di Modugno-Verde, cantata da Joe Sentieri
Signorinella, di Bovio-Valente, cantata da Achille Togliani
Ti dirò, di Bracchi-D’Anzi, cantata da Anna D’Amico
Vecchio frack, di Modugno, cantata da Alberto Rabagliati
Vieneme ‘nzuonno, di Benedetto-Zanfagna, cantata da Fausto Cigliano
Vurria, di Pugliese-Rendine, cantata da Aurelio Fierro

Non ci sarà un’ulteriore selezione per queste canzoni, per cui tutt’e 14 si contenderanno la vittoria nella puntata finale del 6 gennaio 1960. Ne parleremo nelle prossime settimane.

Una nota a margine dei due elenchi di canzoni. Fino alla fine degli anni ‘50/primi anni ’60, gli autori proponevano le loro canzoni e veniva poi successivamente deciso chi le avrebbe interpretate. Era l’epoca in cui la RAI aveva una propria squadra di cantanti, pronti ad interpretare il pezzo che veniva loro proposto, ma meglio sarebbe dire assegnato. Poi, le cose cambiarono, un po’ per l’avvento dei cantautori, un po’ perché con il grande successo commerciale dei 45 giri le Case discografiche erano solite proporre nuove canzoni praticamente cucite addosso al nuovo cantante da lanciare, o all’artista di successo campione di vendite nei negozi di dischi.

Ecco perché l’elenco dei finalisti del 1969 è riportato in ordine alfabetico per interprete, mentre quello del 1959 è riportato in ordine alfabetico per titolo di canzone.

E concludiamo questa nota con tanti auguri di Buon Natale a tutti voi che ci seguite ogni settimana, che sia per tutti un Natale di gioia e serenità e in salute, che è sempre il bene più importante. Appuntamento a sabato prossimo!