testata
Archivio Editoriali - 2 Ottobre 2021
a cura di Fiorenzo Pampolini

1971: CASTROCARO, HIT PARADE E CONCORSO UNCLA. GLI APPUNTAMENTI MUSICALI DI OTTOBRE DI 50 ANNI FA

Cari amici, ben ritrovati. Riprendiamo dopo la pausa di settembre il nostro tradizionale appuntamento settimanale con il racconto degli eventi canori dell’epoca d’oro del 45 giri. E dunque rimettiamo in moto la nostra macchina del tempo che ci riporta al mese di ottobre di 50 anni fa.

In TV va in onda uno sceneggiato di grande successo, “E le stelle stanno a guardare”, dal romanzo di Cronin, con Andrea Checchi, Adalberto Maria Merli, Orso Maria Guerrini, Giancarlo Giannini, Loretta Goggi, Annamaria Guarnieri, Anna Miserocchi e Scilla Gabel.  Piero Angela inizia la sua divulgazione scientifica con il programma in dieci puntate “Destinazione uomo”, un lungo viaggio dentro il corpo umano in onda dal 15 ottobre. Il Quartetto Cetra festeggia i 30 anni di carriera nel nuovo varietà “Stasera sì”. La grande Anna Magnani è protagonista in TV di “Tre donne”, una serie di tre episodi nei quali Nannarella recita a fianco di Massimo Ranieri, Enrico Maria Salerno, Vittorio Caprioli e Marcello Mastroianni.

Il 14 ottobre si svolge a Castrocaro Terme la finale della tradizionale gara canora riservata alle voci nuove. La TV e la radio la trasmetteranno il 4 novembre. L’organizzatore è ancora Gianni Ravera, il presentatore Daniele Piombi. I due vincitori sono Carla Bissi e Mauro Brighetti.

Di quest’ultimo, 18 anni, bolognese, genere melodico-moderno, si perderanno presto le tracce. Carla Bissi invece è destinata ad un grande futuro. È nata a Forlì, ha 17 anni, ed aspira a diventare maestra, ma la vita le riserverà un’altra strada. La partenza è in salita, l’anno dopo partecipa a Sanremo con scarso successo, nel 1972 vince la “Gondola d’Argento” a Venezia, poi dopo un periodo di silenzio torna in sala d’incisione nel 1975 con un nuovo nome d’arte, Alice Visconti.

Il grande successo arriva nel 1980: dall’incontro con Franco Battiato nasce “Il vento caldo dell’estate”, che lei incide per la prima volta con il solo nome di Alice. E l’anno dopo, a dieci anni di distanza da quella vittoria a Castrocaro, il Festival di Sanremo la incorona vincitrice con una bella canzone composta da Franco Battiato, “Per Elisa”. Segue una serie di grandi successi, anche internazionali, e ancora oggi Alice è sulla scena della canzone italiana, con la quale ha seguito un suo percorso artistico fatto anche di scelte talvolta non popolari ma sempre di alta qualità.

La Hit Parade del 1° ottobre di 50 anni fa vede al decimo posto “Amor mio” di Mina, al nono Lucio Battisti con “Pensieri e parole”, all’ottavo “Put your hand in the hand” degli Ocean, al settimo ancora Lucio Battisti con “Dio mio no”, al sesto “Era bella” dei Profeti, al quinto Bruno Lauzi con “Amore caro, amore bello”, al quarto i Middle of the Road con “Tweedle dee, tweedle dum”.

E veniamo al podio: le “damigelle d’onore”, come diceva il maestro Luttazzi rivelando i titoli dei brani al terzo e secondo posto, sono rispettivamente “Eppur mi son scordato di te” dei Formula Tre e “We shall dance” di Demis. Canzone regina è “Tanta voglia di lei” dei Pooh che resta al primo posto per dieci settimane.

Da notare che cinque canzoni su dieci sono firmate da Mogol e Battisti. Oltre ai due brani interpretati dallo stesso cantautore reatino (“Pensieri e parole” e “Dio mio no”), portano le stesse firme anche i pezzi interpretati da Mina, da Bruno Lauzi e dalla Formula Tre.

Il 5 ottobre prende il via alla radio la consueta rassegna per nuove canzoni da includere nel repertorio radiofonico della RAI, selezionate dall’UNCLA (Unione Nazionale Compositori Librettisti Autori). Si tratta di 34 canzoni, affidate a 21 interpreti. Finalmente, qualche titolo della rassegna appare su 45 giri, come “Cento donne e poi Maria” di Mau Cristiani (già presentata a “Incontri d’estate”, la nuova manifestazione itinerante organizzata da Adriano Celentano) o “Il sogno di Laura”, una canzone che porta le firme di Andrea Lo Vecchio e Roberto Vecchioni, che segna il debutto del complesso Homo Sapiens, all’inizio di una lunga carriera.

Nel cast degli interpreti del concorso UNCLA 1971, figurano inoltre alcuni nomi più o meno noti della canzone italiana, come Nicola Arigliano, Tony Dallara, Miriam Del Mare, Wilma Goich, Memo Remigi, Ennio Sangiusto, Annarita Spinaci e Luciano Tajoli, insieme al solito gruppo di esponenti della canzone napoletana, come Lucia Altieri, Umberto Boselli, Antonio Buonomo, Gloria Christian, Mario Da Vinci. Completano l’elenco dei partecipanti i meno noti Grazia Caly, Renzo Filippi, Eugenio Furnari, Renato Intra (vincitore dell’edizione precedente), Paola Orlandi e Sergio Ticozzi.

Ed anche per oggi è tutto. La prossima settimana inizieremo a raccontarvi le edizioni 1961 e 1971 di Canzonissima, che ebbero inizio rispettivamente il 10 e il 9 ottobre.

Appuntamento a sabato prossimo.
Buona settimana a tutti!

La foto della settimana

14 ottobre 1971: la diciassettenne Carla Bissi (la futura Alice) vince il Festival di Castrocaro, insieme a Mauro Brighetti. Qui la vediamo con il presentatore Daniele Piombi (foto da Google Immagini)