testata
| HOME | archivio editoriali |
Archivio Editoriali - 17 Ottobre 2009
a cura di Fiorenzo Pampolini

CANZONI IN HOTEL. LE QUATTRO EDIZIONI DEL FESTIVAL DELLE ROSE

Cari amici, il 1964 fu un anno molto prodigo di nuovi eventi musicali. Il boom del 45 giri porta infatti al varo di ben tre nuovi festival canori nel giro di pochi mesi. La RAI organizza per la prima volta il Disco per l’estate, Vittorio Salvetti dà il via al Festivalbar, mentre Ezio Radaelli, forte del successo del suo Cantagiro, si inventa il Festival delle Rose della Canzone Italiana. La manifestazione si svolge nel Salone dei Cavalieri dell’Hotel Hilton di Roma nei giorni 25, 26 e 27 ottobre, ed è gemellata con il Cantagiro, nel senso che i vincitori di ognuno dei due eventi accedono di diritto all’edizione successiva dell’altro. Così, tra gli artisti in gara della prima edizione, ritroviamo Gianni Morandi e Paolo Mosca, che si erano aggiudicati la vittoria nei rispettivi gironi del Cantagiro. Le tre serate (ma soltanto la finale va in onda in TV) sono presentate da Corrado e Gabriella Farinon, l’orchestra è diretta da Bruno Canfora e i cantanti in gara sono supportati nelle loro esibizioni dai 4 + 4 di Nora Orlandi.

La casa discografica RCA fa la parte del leone al Festival delle Rose, lanciando, attraverso la sua etichetta ARC riservata ai nuovi talenti, alcuni artisti al loro esordio, come Louiselle e Dino. Tra gli altri interpreti, ci sono big come Jula De Palma, Sergio Endrigo e Donatella Moretti (oltre al già citato Morandi), ed anche molti giovani, come Wilma Goich, Giancarlo Guardabassi (che diventerà poi dee jay e conduttore radiofonico) e Claudio Lippi.

La vittoria della prima edizione va a Gianni Morandi, che porta in gara una bella canzone di Migliacci e Zambrini, con un arrangiamento spettacolare, Non son degno di te. Il trionfo arriva quando il ragazzo di Monghidoro è ancora primo in “Hit Parade” con il suo successo estivo In ginocchio da te, ma ben presto, con il nuovo singolo del Festival delle Rose, Gianni sostituisce sè stesso in vetta alla classifica.

La seconda edizione si svolge dal 15 al 17 ottobre 1965, con il patrocinio dell’Ente Provinciale per il Turismo della capitale. I 28 artisti in gara vengono suddivisi in due categorie, 12 “Cantanti noti” e 16 “Giovani”. I primi sono in gara con due canzoni, e tutti e 12 accedono alla finale con una sola canzone, mentre i 16 giovani concorrono con un solo motivo, e soltanto 8 di essi passano il turno e sono promossi alla serata finale.

Si aggiudica la vittoria Orietta Berti, reduce dal primo posto del Disco per l’Estate, che nella finale interpreta Voglio dirti grazie. Per i giovani è in palio il Premio della Critica che va a Loredana Bufalieri con Tu che sei lassù, mentre il Premio dell’Ente del Turismo va a Bruno Lauzi per la canzone Ti ruberò. Da segnalare tra i giovani la partecipazione di Franco Califano con Ti raggiungerò.

Musica beat e canzoni di protesta sono protagoniste della terza edizione del Festival delle Rose che si svolge dal 12 al 14 ottobre 1966. La RAI interviene immediatamente con i suoi solerti censori, che costringono un gruppo esordiente destinato ad una lunga carriera, i Pooh, a modificare completamente il testo della loro canzone Brennero ’66, che parla degli attentati in Alto Adige. La canzone cambia così anche il titolo che diventa Le campane del silenzio. Anche Gianni Morandi e Mauro Lusini, in gara con la famosa C’era un ragazzo che come me amava i Beatles e i Rolling Stones, devono modificare il testo della loro canzone, e la parola Vietnam viene sostituita da “ta ta ta”. In totale, sono 27 le canzoni in gara, proposte, come a Sanremo, in doppia esecuzione. Vince un esordiente, scoperto da Teddy Reno alla Festa degli Sconosciuti di Ariccia: è il ventenne Carmelo Pagano con la canzone L’amore se ne va, interpretata in seconda esecuzione da Luisa Casali.

La quarta (ed ultima) edizione del Festival delle Rose si svolge dal 3 al 5 ottobre 1967, i presentatori sono Corrado e Nunzio Filogamo. La RAI trasmette in TV serata finale, ma soltanto a fine mese, mentre la radio ne propone una sintesi registrata nel pomeriggio del 10 ottobre. Le canzoni in gara sono 24, questa volta addirittura in tripla esecuzione. La vittoria va ad Al Bano (rivelazione del recente Disco per l’estate) con la canzone L’oro del mondo, proposta anche in una versione recitata dall’attore Andrea Giordana e dall’orchestra di Carlo Loffredo con i 4 + 4 di Nora Orlandi. Vengono inoltre assegnati il Premio della Critica alla canzone Il cielo di Lucio Dalla, e il Premio Ente del Turismo alla canzone Una testa dura, proposta da Isabella Jannetti, Claudio Lippi e Les Surfs.

Intanto, l’epopea del beat volge al termine: proprio nel mese di ottobre del 1967 entra in classifica una nuova canzone americana che può essere considerata il primo brano del cosiddetto movimento “hippy”. Si tratta del nuovo singolo di Scott McKenzie, San Francisco (sottotitolo Be sure to wear some flowers in your hair), che venderà ben due milioni e mezzo di copie in tutto il mondo. Inizia così l’epoca dei “figli dei fiori”.

Ed eccoci agli auguri di Buon Compleanno.

Oggi e nei prossimi giorni spengono le candeline...

17 ottobre: Ziggy Marley (41 anni), Eminem (37), Roberto Angelini (34), Fabri Fibra (33)
18 ottobre: Chuck Berry (83), Leonardo (64), Andrea Fumagalli dei Blu Vertigo (38) 
19 ottobre: Giuseppe Cionfoli (57)
20 ottobre: Enzo Gragnaniello (55)
21 ottobre: Plinio Maggi (69), Riccardo Fogli (62)
22 ottobre: Robertino (63), Roberta D’Angelo (54), Gianfranco De Angelis (54)

Buona settimana a tutti!

------

LE NEW ENTRY DELLA SETTIMANA

Non ho mai considerato il 17 come un numero nefasto ed allora non deve sembrare strano a nessuno che proprio oggi, sabato 17 ottobre 2009, 45 Mania inaugura un nuovo appuntamento settimanale che, sono sicuro, appassionerà i nostri amici. Infatti, da oggi debutta su 45 Mania un nuovo collaboratore, con una nuova rubrica. Lui è Gianluca Barezzi è di Milano e ci racconterà la storia del 45 giri, dagli albori del nuovo supporto musicale  sino ai giorni nostri. Attraverseremo la vita di questo piccolo oggetto in vinile che tanta importanza ha avuto (come più volte detto) nella vita di molti di noi.
Gianluca ha intitolato il primo capitolo della sua nuova rubrica "Un buco con due canzoni intorno" e sono sicuro che titolo migliore non potesse trovare. Troverete nel suo spazio anche interessanti foto che correderanno la "sua" storia del 45 giri.
A Gianluca auguro buona fortuna per questo suo nuovo lavoro. Sono sicuro che Gianluca otterrà lo stesso riscontro e successo ottenuto da Fiorenzo Pampolini, divenuto ormai fulcro del nostro sito, che attraverso i suoi editoriali settimanali sempre ricchi di spunti interessantissimi, ci aiuta a rimuovere quel piccolo strato di polvere che si era posato sui nostri ricordi.
Inoltre mi preme segnalare che da questa settimana è disponibile la scheda relativa al Disco per l'Estate 1975, curata (ovviamente) sempre dal nostro grande Fiorenzo.  E non finisce qui, perché continua con successo l'iniziativa fortemente voluta sempre dall'instancabile Fiorenzo, riguardante la Canzonissima del 1969. Continuate a giocare con noi votando quella che, secondo voi, a distanza di quarant'anni è la nuova "Canzonissima 1969".

Non finirò mai di ringraziare Fiorenzo e Gianluca per tutto quello che hanno fatto e che faranno per 45 Mania. Sto pensando di inserire delle schede biografiche a loro dedicate, che ci permetteranno di conoscere meglio questi due grandi appassionati che hanno voluto condividere con me, nonostante le distanze geografiche, questa bellissima esperienza. Sarebbe un piccolo riconoscimento per l'apprezzatissimo lavoro su 45 Mania.   Perché voglio precisare e ribadire: qui nessuno ci guadagna una lira. Anzi. tutto quello che vedete pubblicato su questo sito è frutto di grandi sacrifici sia di tempo che di denaro. Ma se tutto questo impegno è servito a farmi conoscere delle persone come Fiorenzo e Gianluca, che mai avrei avuto occasione di conoscere, beh, allora ne è valsa la pena!

Prima di passare al consueto rapido sguardo nella nostra vetrina delle new-entry, due avvisi di servizio.
Il primo riguarda il nostro fornitore delle news. Dalla scorsa settimana le news che vengono pubblicate sulla home-page del nostro sito sono a cura della In-Topic. Rispetto al passato, le ultime notizie vengono aggiornate con maggior frequenza e prendono spunto dai lanci dalle principali agenzie di stampa ed altre fonti di informazioni italiane. Il tutto per una migliore informazione ed al fine di rendere un servizio qualitativamente più avanzato ai nostri visitatori.
Il secondo avviso riguarda Radio Elleuno che, per motivi tecnici, ha dovuto sospendere le proprie trasmissioni. Vi assicuro, comunque, che gli amici di Radio Elleuno si stanno impegnando al massimo per risolvere il problema e tornare al più presto "on air".

<>