testata
a cura di Fiorenzo Pampolini

CANZONISSIMA 1968: SEMIFINALE. CANZONI INEDITE, O QUASI, PER I 12 RIMASTI IN GARA

Cari amici, esattamente 50 anni fa, “Canzonissima” stava entrando nella sua fase semifinale. Dei 48 cantanti presenti ai nastri di partenza (ridottisi poi a 24 nella seconda fase), ne restano in gara 12, dai quali usciranno i fantastici 6 per la finalissima del 6 gennaio (per le prime fasi della gara canora, si vedano i nostri editoriali delle settimane precedenti).

Si avvicina anche il 19esimo Festival di Sanremo, per cui alcuni cantanti in gara a “Canzonissima”, hanno inviato a Sanremo canzoni che nel caso di ammissione alla finale della gara abbinata alla Lotteria di Capodanno verrebbero anticipatamente lanciate e quindi sottratte al repertorio del Festival. Ma vediamo con quali canzoni inedite i 12 semifinalisti si presentano in gara a Canzonissima.

Dodicesima puntata (Sabato 14 dicembre)
Claudio Villa (Povero cuore)
Al Bano (Mattino)
Patty Pravo (Tripoli 1969)
Orietta Berti (Se mi innamoro di un ragazzo come te)
Johnny Dorelli (La neve)
Milva (La donna del buono a nulla)

Tredicesima puntata (Sabato 21 dicembre)
Shirley Bassey (Chi si vuol bene come noi)
Gianni Morandi (Scende la pioggia)
Caterina Caselli (Il carnevale)
Marisa Sannia (Una donna sola)
Sergio Endrigo (Camminando e cantando)
Little Tony (La donna di picche)

In realtà, per tre di queste canzoni non si tratta propriamente di inediti, in quanto Claudio Villa si affida ad una “Barcarola” di Offenbach, riarrangiata e con un nuovo testo, Al Bano opta per una romanza di Ruggero Leoncavallo, la celebre “Mattinata” che viene ribattezzata “Mattino”, mentre Gianni Morandi propone la cover di “Elenore” dei Turtlles, con un nuovo testo in italiano e il titolo “Scende la pioggia”.

Queste trasgressioni al regolamento faranno sì che, nella successiva edizione, si parli specificatamente nello stesso, di canzoni inedite di autori italiani senza la possibilità di ricorrere a pezzi classici del passato o a cover di canzoni straniere.

Quali saranno i sei cantanti che si contenderanno la vittoria il 6 gennaio? Lo vedremo nelle prossime settimane.

Intanto, c’è un cantante che, volutamente lontano dalla “mischia” di Canzonissima, si risparmia col contagocce in attesa del Festival di Sanremo dove sarà presente con una canzone dal titolo “Zingara”. Parliamo di Bobby Solo, i cui ultimi 45 giri (“Una granita di limone”, “Amore mi manchi”) hanno avuto un discreto successo. “La vita è bella – dice lui – perché affannarsi?”

Prima del Festival, Bobby partecipa alla trasmissione televisiva “Setteleghe”, facendosi intervistare a bordo di uno slittino a motore, e nell’ultima settimana dell’anno, canterà nel corso di uno spettacolo natalizio.

Per il resto le sue passioni predominanti rimangono due: il figlioletto Alain che conta meno di sei mesi, e la pesca. Ogni mattina, il cantante telefona a Fiumicino, dove è attraccata la sua barca, per conoscere le condizioni del mare; se non sono proibitive, prende subito il largo. Il 23 novembre, nel corso di una cerimonia riservata agli amici e ai collaboratori più intimi, Bobby ha festeggiato il primo anniversario del matrimonio con Sophie Teckel.