testata
a cura di Fiorenzo Pampolini

NOVEMBRE 1978. HIT PARADE ED EVENTI TV

Cari amici, questa settimana torniamo indietro di 40 anni per rivivere la Hit Parade dei primi giorni di novembre 1978.

In decima posizione c’è Paul Young con “Love is in the air”, al nono posto il giovane Miguel Bosè con “Anna”. All’ottavo posto c’è “Rasputin” di Boney M, al settimo “Wuthering heiths” di Kate Bush, che aveva vinto il Festivalbar nella categoria stranieri.

Al sesto posto c’è Adriano Celentano con “Ti avrò”, dall’album omonimo, al quinto posto Dee D. Jackson con “Meteor man”. Quarta posizione per un brano tratto dal film musicale “Grease”, ovvero “You’re the one that I want”, interpretata dai protagonisti del film John Travolta e Olivia Newton John.

Terzo posto per “Triangolo” di Renato Zero. Il pezzo è tratto da Zerolandia, quinto album del cantante romano al quale fece seguito un tour denominato proprio “Zerolandia Tour”. Tra i brani più famosi di quell’album ci sono “La favola mia” e “Sesso o esse”.

Al secondo posto ancora la colonna sonora di “Grease” interpretata da Frankie Valli. Canzone regina è “Una donna per amico” di Lucio Battisti. Il 45 giri, sul cui retro c’è “Nessun dolore” è tratto dal 13esimo e omonimo album del cantante reatino. Anche il 33 giri è in testa alle classifiche degli Lp più venduti.

Il più ballato in discoteca è “You make me feel” di Sylvester, mentre tra i 33 giri italiani segnaliamo la presenza in classifica dei Pooh con “Boomerang” e di Roberto Vecchioni con “Calabuig Stranamore e altri incidenti”.

Intanto, in campo discografico, si segnala l’esordio di una delle più amate annunciatrici della televisione italiana, Maria Giovanna Elmi. Il 33 giri edito dalla Pull e distribuito dalla Cetra ha per titolo “Clic clac” ed è una raccolta di canzoncine e filastrocche per i più piccini assai curata anche negli arrangiamenti. La canzone che dà il titolo all’album è già stata scelta come sigla della trasmissione pomeridiana “C’era una volta domani”.

Lo Zecchino d’Oro, in onda a metà novembre, compie 20 anni. Tra le dodici canzoni in gara (sei italiane e sei straniere), vince “Cecki cecki… ahi”, una canzone popolare ungherese interpretata dalla piccola Agnes Szabo, di 6 anni, che arriva proprio dall’Ungheria. Presenta Cino Tortorella che ormai ha smesso i panni di Mago Zurlì. Tra i bambini che formano il Piccolo Coro dell’Antoniano diretto da Mariele Ventre, c’è anche Cristina D’Avena, che dieci anni prima, aveva lanciato “Il valzer del moscerino” e che proseguirà poi a cantare anche da grande specializzandosi in sigle televisive di cartoni animati.

In TV prende il via il 17 novembre la terza edizione di “Portobello”, il famoso mercatino televisivo condotto da Enzo Tortora. Tra le cinque signorine “filtro” della trasmissione c’è anche la 18enne Eleonora Brigliadori che qualche anno dopo diventerà l’annunciatrice di Canale 5. Nuova stagione anche per “Scommettiamo”, il quiz condotto da Mike Bongiorno, e per il talk show di Maurizio Costanzo che assume il nuovo titolo di “Acquario”, prima era “Bontà loro”.

Il sabato sera su Rai uno c’è “Macario più”, spettacolo in sei puntate dal Teatro della Fiera di Milano con protagonista il noto comico torinese. Ogni puntata dura 70 minuti, equamente ripartiti tra rivista e commedia. A fianco di Macario ci sono tre soubrettes, ognuna presente in due puntate: Sandra Mondaini, Marisa Del Frate e Rita Pavone. “Macario più” è una sorta di omaggio al commendator Erminio e ai suoi 50 anni di attività teatrale, nonché ad un mondo creato da lui, popolato di donne bellissime e tutto costruito sulle gags, spesso mute e fulminanti, sulla mimica, i finti stupori e il finto candore di Macario.

Il patron Gianni Ravera annuncia che la 29esima edizione del Festival di Sanremo si svolgerà dall’11 al 13 gennaio, e nell’occasione, in collaborazione con il Radiocorriere TV, lancia un concorso per nuovi autori con lo slogan “Scrivi una canzone per Sanremo”.