testata
FESTIVALBAR 1970
SERIE GIALLA - I SEI COMPLESSI FINALISTI

Iniziamo un nuovo sondaggio che vedrà i nostri amici impegnati a darsi battaglia per far emergere il loro disco preferito fra quelli in gara al Festivalbar 1970, organizzato dall'indimenticabile Vittorio Salvetti. Per questo turno sono protagonisti i complessi che si aggiudicarono la finale e che vennero raggruppati nella cosiddetta "Serie Gialla". Buon divertimento!

APHRODITE’S CHILD
It’s five o’clock
(Papatanassiou-Francis) ed. Intersong Music

Poco prima di sciogliersi come gruppo, gli Aphrodite’s Child scalano le classifiche di vendita europee con questa canzone che entra nella nostra Hit Parade già in primavera. Poco dopo Demis Roussos e Vangelis Papathanassiou proseguiranno la loro carriera come solisti.

I CALIFFI
Acqua e sapone
(Bigazzi-Boldrini-Signorini) ed. Canzoni Moderne

I Califfi si formano a Firenze intorno alla metà degli anni Sessanta. Il loro primo successo, “Ti giuro, è così”, è del 1966. Il loro successo più grande è una cover dei Bee Gees, “Così ti amo” (titolo originale “To love somebody”). Leader del gruppo è Franco Boldrini. Con “Acqua e sapone” avevano partecipato anche al Cantagiro.

 

I CAMALEONTI
Ti amo da un’ora
(Mogol-Lavezzi) ed. Numero Uno-Tevere

I Camaleonti, reduci dal successo di Sanremo dove avevano interpretato “Eternità” in coppia con Ornella Vanoni, propongono questa bella canzone che non è però tra le più note del gruppo. E’ la stessa canzone con la quale hanno partecipato anche al Cantagiro.

 

 

I DIK DIK
L'isola di Wight
(di Salerno-Daiano-Delpech-Vincent) ed. Carré d'As

I Dik Dik propongono anche al Festivalbar (come al Cantagiro)  la cover di “Wight is Wight” del francese Michel Delpech, già in Hit Parade da qualche tempo. Il brano prende spunto dal raduno hippy nell’isola di Wight.

 


FORMULA TRE
Sole giallo sole nero
(Battisti-Mogol) ed. Acqua Azzurra

Secondo singolo per il gruppo formato da Alberto Radius, Tony Cicco e Gabriele Lorenzi. Avevano debuttato nel 1969 con "Questo folle sentimento" di Mogol e Battisti

 

 

RICCHI E POVERI
In questa città
(di Capuano-Califano) Ed. Vianello/Rca

I Ricchi e Poveri avevano debuttato tra i giovani del Cantagiro due anni prima, poi per loro era arrivata la grande occasione di Sanremo 1970 (“La prima cosa bella”), ed ora, ormai big a pieno titolo, propongono, sia al Cantagiro che al Festivalbar, un pezzo di Capuano su testo di Franco Califano.

 


 
VOTAZIONI

Nella settimana dal 21 al 27 Agosto 2010, vi è stata data l'opportunità di votare per questo gruppo di canzoni. Ecco i risultati scaturiti dalle vostre votazioni

  1. I Dik Dik - L'isola di Wight (33% dei voti)

  2. Formula 3 - Sole giallo, sole nero (22% dei voti)

  3. Aphrodite's Child - It's five 'o clock (15% dei voti) (*)

  4. Ricchi e Poveri - In questa città (15% dei voti) (*)

  5. I Califfi - Acqua e sapone (7% dei voti) (*)

  6. I Camaleonti - Ti amo da un'ora (7% dei voti) (*)

(*) ex-aequo nella posizione indicata

Il grande classico dei Dik Dik, si aggiudica, quindi, la gara, tallonato dalla Formula 3 con il brano scritto da Mogol e Battisti. Al terzo posto gli Aphrodite's Child con l'intramontabile "It's five o' clock" ed i Ricchi e Poveri. Chiudono la classifica I Califfi ed i Camaleonti, penalizzati da brani oggi poco ricordati.  

Dati raccolti da Fiorenzo Pampolini
Elaborazione Grafica 45Mania