Cerca nel sito nel web
search engine by freefind

       

Menu

Home
Storia del 45 giri
Le Copertine
Il Re del Juke-Box
Il Disco per Juke-Box
Le Case Discografiche
Archivio Editoriali
45 Giri in gara
Recensioni
Sondaggi
La Bacheca
Siti Consigliati
I Vostri Articoli
La Musica di domani
Firma Guestbook
Leggi Guestbook
Citazioni
Crediti
I 45 Maniaci
Contattaci

Iniziative Editoriali

 
Fiorenzo Pampolini
Festival
(2011 - Albatros)




 

Il Juke-box

Per molti versi, gli anni del 45 giri sono stati anche gli anni del juke box. Anche se, ad onor del vero, queste splendide macchine sono nate verso la fine degli anni '20 per merito delle aziende delle quali riportiamo in alto i marchi ed anzi, per i collezionisti del juke box, i pezzi più pregiati sono proprio quelli costruiti fra gli anni '30 e '40 che utilizzavano i dischi a 78 giri.
Il juke box scopre il 45 giri all'inizio degli anni '50, periodo nel quale convivevano sia le macchine che impiegavano il 78 giri, sia quelle che si dedicavano al nuovo disco. La Seeburg è la prima a scommettere sul 45 giri e nell'ottobre del 1950 nasce l' M100B, il primo juke box funzionante con i microsolco a 45 giri. Gia nella metà degli anni '50 molti juke box utilizzano la tecnologia stereofonica, in notevole anticipo sui dischi che per molti anni ancora, invece,  saranno solo monofonici. Il juke box è diffusissimo ed è un successo mondiale.  Non esiste bar degno di tale nome che non ne abbia installato uno. Fra il 1950 ed il 1965 vengono costruite le più belle macchine del dopoguerra. La meccanica a vista affascina gli utilizzatori tanto quanto l'ascolto del disco preferito. In Italia gli stabilimenti balneari  sono invasi da queste macchine che per tutta l'estate funzionano ininterrottamente per la gioia di molti e la disperazione di pochi. Nasce addirittura una manifestazione popolarissima (il Festivalbar) che farà proprio del juke box lo strumento principale per decretare la canzone più gettonata e quindi più gradita di tutta l'estate canora. Il juke box degli anni '70 è completamente diverso da quello del decennio precedente. La meccanica non risulta più visibile  ed il designer appare notevolmente semplificato. La fine del 45 giri causa indirettamente anche il declino di queste affascinanti macchine, superate dai nuovi modi di ascoltare e diffondere la musica. La Rock-Ola e la Wurlitzer hanno, comunque, continuato a produrre juke box inserendovi la moderna tecnologia digitale fornita dal CD, e per taluni modelli hanno riesumato anche il designer dei loro apparecchi più famosi ma con risultati contrastanti a riguardo della loro diffusione. Il juke box ha, però, ancora una carta da giocare ed è quella del collezionismo. Se è sempre più difficile trovare queste macchine nei locali pubblici è tutt'altro che infrequente trovarle nelle case, anche grazie all'opera di persone come il nostro amico Claudio Tosato, per noi un vero e proprio Re del Juke Box.

Cliccando sui loghi potrete ammirare alcuni dei juke box prodotti da queste Aziende che hanno contribuito alla nascita di un mito.

 

Ultima Ora
 


http://www.radioelleuno.it/doc/intervista_alfio_musicalnews/18072007.gif
Stai ascoltando Radio Elleuno

45 Mania è anche su Radio Elleuno, ogni mattina alle 9,15

 

Copyright © 2002-2013 45 Mania ~ All rights reserved ~