testata
Archivio Editoriali - 8 Agosto 2015
a cura di Fiorenzo Pampolini

MUSICA D'ESTATE IN RADIO E TV - 1955-1965-1975-1985

Cari amici, in attesa del Ferragosto, quando rivivremo le Hit Parade di 50, 40 e 30 anni fa, vediamo oggi alcuni eventi delle estati che furono, partendo addirittura da un evento di 60 anni fa.

Abbiamo raccontato nelle scorse settimane l’inizio di una nuova manifestazione canora del 1965, la Mostra Internazionale di Musica Leggera di Venezia. Ma in realtà, già nel 1955, si svolse a Venezia un nuovo festival canoro, il 1° Festival Internazionale della Canzone che si concluse il 30 luglio in piazza San Marco.

Il nuovo evento aveva messo in gara le canzoni di 6 Paesi europei, a ciascuno dei quali era stata dedicata una serata radiofonica (e in un paio di casi anche televisiva), in onda dal Palazzo del Cinema al Lido.

L’Italia è rappresentata dall’orchestra della canzone diretta da Angelini con i cantanti Carla Boni, Lucia Mannucci, Gino Latilla e il Quartetto Cetra (la Mannucci era entrata a far parte del mitico quartetto nel 1947, ma qui è presente sia come solista che come voce dei Cetra).

Le sei canzoni in gara sono “Perché”, di Rastelli e Fragna, cantata da Carla Boni, “La voce del cuore” di Giusti e Spotti, cantata da Lucia Mannucci, “Stornello d’amore” di Biri e Mascheroni, cantata da Gino Latilla, “Sogno” di Locatelli e Bergamini, cantata da Carla Boni, “Profumo numero 5” di Testoni e Kramer, cantata dal Quartetto Cetra, e “Vecchia Europa” di Nisa, Testoni e Rossi, cantata da Carla Boni, Gino Latilla e il Quartetto Cetra.

Organizzata dall’Ente Comunale del Turismo Veneziano, in collaborazione con gli enti radiofonici di sei Paesi europei (Francia, Belgio, Olanda, Austria, Principato di Monaco e Italia), la manifestazione si svolge per sette sere consecutive dal 24 al 30 luglio. Presentatore per l’Italia è Nunzio Filogamo. Nella serata finale vengono riproposte le sei canzoni vincitrici delle serate precedenti (una per Paese). Vince l’Italia con “Vecchia Europa”.

Dieci anni dopo, in TV la domenica sera, va in onda “Mare contro mare”, competizione tra due località del Tirreno e dell’Adriatico, guidata da Silvana Pampanini e Aroldo Tieri. La sfida si svolge a bordo di due navi. Nella puntata di domenica 8 agosto 1965, si gioca su due unità della nostra marina militare, per l’Adriatico da bordo dell’incrociatore Giuseppe Garibaldi a Taranto, e per il Tirreno da bordo dell’incrociatore Andrea Doria a La Spezia.

Gli ospiti musicali sono da Taranto le gemelle Kessler che cantano “Lasciati baciare col letkiss” e Domenico Modugno con una canzone decisamente a tema, “Marinai, donne e guai”. Da La Spezia si esibiscono Gianni Morandi con “Se non avessi più te” e Paola Neri con “Signorina ahi”.

Ed è di Gianni Morandi la sigla finale di tutte le puntate, “Si fa sera”. Il 45 giri scala ben presto le classifiche di vendita entrando tra i primi 10 il 21 agosto per raggiungere il primo posto il 25 settembre.

Ancora un balzo in avanti di 10 anni, ed eccoci all’8 agosto del 1975, quando la rubrica televisiva “Adesso musica”, curata da Adriano Mazzoletti e condotta da Vanna Brosio e Nino Fuscagni, propone tra gli ospiti un gruppo musicale chiamato “Il Volo”. Ne avevamo già parlato qualche tempo fa, ma ribadiamo che “Il Volo” dell’epoca non ha nulla a che vedere con i tre tenorini che hanno vinto l’ultimo Sanremo.

Trattasi infatti di un complesso di musicisti provenienti dal mondo pop, Vincent Tempera, Alberto Radius, Gabriele Lorenzi, Gianni Dall’Aglio, Mario Lavezzi e Bob Callero, che nel settimanale televisivo propongono un pezzo dal titolo curioso, “Medio Oriente 249.000 tutto compreso”. Gli altri ospiti della puntata sono Gigliola Cinquetti, Tony Cucchiara, i Cugini di Campagna e Giulietta Sacco.

Quest’ultima è anche tra gli interpreti della rassegna di nuove canzoni per la RAI selezionate dall’UNCLA, in onda alla radio nel trimestre estivo. Le composizioni in gara sono 24, e vanno in onda in alcuni appuntamenti settimanali dal titolo “Le nuove canzoni italiane (Concorso UNCLA 1975)”. Anche questa manifestazione, che peraltro non aveva mai brillato per la popolarità dei brani da essa lanciati, è in ulteriore declino.

Tra i 24 artisti partecipanti, soltanto tre sono i nomi noti, ma si tratta di interpreti d’altri tempi, per quanto brave, come Fiorella Bini (figlia del maestro Cherubini, nata nel 1933 e scomparsa nel 2004), Betty Curtis e Wilma De Angelis. Da Napoli, arrivano Nino Fiore, Gino Da Procida e la già citata Giulietta Sacco, mentre un minimo di popolarità avevano avuto cantanti come Pino Riccardi (la sua canzone “Ed era amore”è trasmessa da radio RAI con una pessima qualità di registrazione), James Jotti, in gara a precedenti edizioni di “Un disco per l’estate”, e Lionello (già campione di Settevoci) che canta “La galopera di Vera Cruz”, forse l’unico brano in gara con un po’ di ritmo.

Ed ecco gli altri nomi: Al Barbero, Mario Centomani, Brunetta (già presente in altre edizioni della rassegna), Cristina, Rosa D’Alba, Lele, i Milords, i Musical, Franco Onofrio, Vittorio Paltrinieri, il complesso La Pera, Paolo Quintilio, Elena Reda, Pino Relli e Sergio Ticozzi. Le selezioni finali si svolgono in ottobre, e assegnano la vittoria a una canzone a tempo di tango dal titolo “Ti voglio”, interpretata da Elena Reda.

Infine, l’estate del 1985. “L’estate sta finendo” dei Righeira è il tormentone di quell’anno, e la troviamo in gara al Festivalbar dove si aggiudicherà il primo posto nella serata finale. L’edizione di 30 anni fa della popolare rassegna canora iniziata nel 1964 va in onda ogni giovedì su Canale 5 ed è condotta dal suo “patron” Vittorio Salvetti con Licia Colò e Gabriella Carlucci.

La puntata dell’8 agosto 1985 va in onda da Messina, nella splendida cornice di piazza del Duomo, e propone l’esibizione di Jean Rich (Maybe this is love), Mondorhama (Stories), Riccardo Fogli (Dio come vorrei), TXT (Girl’s got a brand new toy), Regina Rogers, Vivien Vee, Christian, Viola Valentino (Addio amor), Jo Squillo (Roulette), Bobby Solo (Ladro per amore), Ivan Cattaneo (Dancin number), Paul Qualtley, Twilight (My mind), Ivonne Kay (Rise up for my love), Sandro Giacobbe, Giovanna, Mino Reitano, Kristal, Enzo Miceli, Tiziana Più, Baltimora  (Tarzan boy), Silver Pozzoli, Ago (Chinese eyes), Keysione, Aldo Tagliapietra, Michele Pecora e Valentino (Iena).