testata
Archivio Editoriali - 8 Novembre 2014
a cura di Fiorenzo Pampolini

FESTIVAL DELLE ROSE. Ancora una vittoria per Gianni Morandi

Cari amici, l’ultima nuova gara canora del 1964 è il Festival delle Rose. La manifestazione si svolge nel Salone dei Cavalieri dell’Hotel Hilton di Roma nei giorni 25, 26 e 27 ottobre, ovvero alla fine di una stagione particolarmente ricca di eventi musicali, ed è organizzata da Mario Minasi in collaborazione con il patron del Cantagiro, Ezio Radaelli.

E proprio con il Cantagiro, questo nuovo festival è gemellato, nel senso che i vincitori di uno dei due eventi accedono di diritto all’edizione successiva dell’altro.

Così, tra gli artisti in gara della prima edizione, ritroviamo Gianni Morandi e Paolo Mosca, che si erano aggiudicati la vittoria nei rispettivi gironi del Cantagiro. Le tre serate (ma solo la finale va in onda in TV in differita il 30 ottobre alle 22,05) sono presentate da Corrado e Gabriella Farinon, l’orchestra è diretta da Bruno Canfora, i cantanti in gara sono supportati nelle loro esibizioni dai 4 + 4 di Nora Orlandi.

Il livello delle canzoni è buono, la parte del leone per quanto riguarda le case discografiche, spetta alla RCA, che proprio in quel periodo aveva creato una nuova etichetta (ARC, anagrammando la sigla) sulla quale far convergere i nuovi talenti da lanciare.

Ecco il cast completo:

Lucia Altieri - Quel paese del sud Wilma Goich - Era troppo bello
Le Amiche - Un giorno o l'altro Giancarlo Guardabassi - Mia sei mia
Mario Anzidei - Non m’importa  Claudio Lippi - Addio amore
Ambra Borelli - So che sei bugiardo Louiselle - Il momento giusto
Lalla Castellano - Mi piace la gente Cocky Mazzetti - Uno, ventuno, tremila
La Cricca - Amico va Mario Mineo - Non so cosa darei
Jula De Palma - Se qualche volta Gianni Morandi - Non son degno di te
Dino - Te lo leggo negli occhi Donatella Moretti - Ogni felicità
Sergio Endrigo - Ti amo Paolo Mosca - Il thè
Roby Ferrante - Il biliardo Paola Pitagora - Il surf della camomilla
Pier Filippi - Da quando ho visto te Sonia e le Sorelle - Se mi lascio baciar

 

La vittoria va a Gianni Morandi, che porta in gara un altro bel brano di Migliacci e Zambrini, con un arrangiamento spettacolare, “Non son degno di te”. Il pezzo scala velocemente la Hit Parade, mentre ancora “In ginocchio da te”si trova al primo posto, poi la scavalcherà primeggiando la classifica alla fine dell’anno.

Al secondo posto si classifica Sergio Endrigo con “Ti amo”, mentre il terzo posto è per un’altra canzone da Hit Parade, ovvero “Te lo leggo negli occhi”interpretata da Dino. Il giovane cantante sedicenne (vero nome Eugenio Zambelli), che fa battere il cuore a tutte le adolescenti, già secondo nel girone B del Cantagiro di pochi mesi prima, inizia proprio da qui una decennale carriera ricca di successi come “Il ballo della bussola”, “The sound of silence”, “Gli occhi miei”, “Simone Simonette”, “Notte calda”. Abbandonerà la scena nel 1973 con l’ultima sua partecipazione a “Un disco per l’estate”, e tornerà poi negli anni Ottanta e Novanta per partecipare a trasmissioni Tv di rievocazione di quel periodo d’oro della canzone italiana.

Per il resto non c’è storia, nessun’altra canzone arriva in Hit Parade, da segnalare il debutto di Louiselle, che dall’anno successivo diventerà una presenza fissa a “Un disco per l’estate”, di Wilma Goich all’inizio di una brillante carriera, e di Claudio Lippi, la cui carriera nel mondo dello spettacolo sarebbe poi proseguita come conduttore e intrattenitore televisivo.

Ottima l’interpretazione di Jula De Palma, vero nome Iolanda De Palma, nata a Milano nel 1932. Jula aveva debuttato in radio negli anni Cinquanta dopo essere stata scoperta da Lelio Luttazzi, e nel 1959 aveva suscitato scandalo la sua interpretazione sensuale della canzone “Tua”al Festival di Sanremo. Verso la metà degli anni Settanta, Jula decide di ritirarsi dalle scene e si trasferisce in Canada.

Ed anche per oggi è tutto, buona settimana!