testata
Archivio Editoriali - 6 Giugno 2009
a cura di Fiorenzo Pampolini

CANZONI PER L'EUROPA - Mina al Festival di Lugano 1969

Cari amici, visto che in questo week end si vota per le elezioni europee, parliamo anche noi di Europa, non dal punto di vista politico ma ovviamente sotto il profilo musicale, tornando indietro di ben 40 anni. Siamo nel 1969, quando Gianni Ravera organizza “Canzoni per l’Europa”, una rassegna musicale con big internazionali e giovani speranze della musica leggera, scegliendo come sede la città svizzera di Lugano.

Occorre ricordare che, tra il 1961 e il 1963, la RAI aveva organizzato una manifestazione radiofonica con lo stesso titolo, che metteva in gara diversi Paesi europei, e che si concludeva tra la fine della primavera e l’inizio dell’estate a Saint Vincent. Ma nel 1969, la gara è soltanto un pretesto per organizzare una vetrina televisiva della produzione discografica primaverile, o meglio di parte di essa, visto che 56 nuove canzoni sono già in gara, ovviamente in esclusiva, a “Un disco per l’estate”.

E’ la prima volta che un festival di canzoni viene diffuso via satellite. In Svizzera, le tre serate vengono trasmesse a colori, grazie ai tecnici della RAI, in trasferta a Lugano. Da noi, la TV a colori è ancora un sogno e arriverà soltanto sette anni più tardi.

L’appuntamento ticinese si svolge nel mese di aprile, e la RAI ne trasmette una sintesi registrata sabato 3 maggio, in eurovisione e in prima serata. I presentatori sono Mascia Cantoni ed Enzo Tortora. Il cast è di tutto rispetto, basti dire che questa manifestazione registra il ritorno ad una manifestazione canora della grande Mina, e l’eccezionalità dell’evento è dovuta sostanzialmente a tre motivi. Il primo di ordine logistico, visto che la tigre di Cremona abita ormai da tempo a Lugano (la sua casa è poco distante dal teatro Kursaal dove si svolge la manifestazione), il secondo è il lancio di quello che diventerà uno dei suoi più grandi successi, ovvero Non credere, e il terzo motivo è la promozione per una nuova cantante che fa parte della PDU, la Casa discografica di Mina: si tratta di Tihm (vero nome Fathima Ben Said), una ragazza nata a Londra in gara con la canzone Dietro la finestra.

Mina è reduce dal successo dell’ultima edizione di “Canzonissima”, e dopo un periodo di riposo, decide di tornare sotto i riflettori con un nuovo disco. Per lei, il 1968 si era chiuso con un bilancio positivo: i dati di vendita parlano infatti di 800mila dischi a 45 giri e più di 50mila long-playing.

Ma al Festival di Lugano ci sono anche diversi altri big italiani. Al Bano, non potendo interpretare la sua ultima incisione Pensando a te, in gara a “Un disco per l’estate”, opta per Mattino, rielaborazione della famosa Mattinata di Leoncavallo ad opera del noto paroliere Vito Pallavicini, brano già proposto nella fase finale di “Canzonissima”. La sua fidanzata Romina Power canta Acqua di mare, mentre Marisa Sannia propone La compagnia (riportata recentemente al successo da Vasco Rossi), Bobby Solo canta Domenica d’agosto, e Gipo Farassino, cantante piemontese passato più tardi alla politica, presenta il suo più grande successo Avere un’amico.

C’è poi un nutrito gruppo di nuove leve della canzone italiana, tra i quali citiamo Paola Musiani e Rossano,mentre a sancire l’internazionalità dell’evento, partecipano gli Aphrodite’s Child, Chico Buarque De Hollanda, Françoise Hardy, David Mc Williams ed altri.

La gara, che si propone di lanciare in campo europeo il miglior cantante dell’anno, è vinta da Mack Porter, un giovane ragazzo del Ghana, con la canzone Dove sei felicità.

E torniamo ai giorni nostri, aprendo il consueto angolo dei compleanni. Ma prima di ricordare i cantanti che festeggiano la loro data di nascita nei prossimi giorni, vogliamo inviare i nostri migliori auguri ad un protagonista della televisione italiana sulla scena ormai da 50 anni. E’ Pippo Baudo, che il 7 giugno compie 73 anni. Il suo debutto in TV risale al 1959, ma il grande successo arriva nel 1966, quando Pippo si inventa uno dei programmi più noti della TV dell’epoca, ovvero “Settevoci”, del quale avremo modo di parlare in uno dei prossimi editoriali. Poi nel 1968, il suo primo Festival di Sanremo, manifestazione alla quale il presentatore siciliano ritornerà altre 12 volte, detenendo il record per numero di conduzioni.

Auguri, Pippo!!!

E buon compleanno anche a...

6 giugno: Danilo Sacco dei Nomadi (44 anni)
7 giugno: Tom Jones (69), Prince (51), Daniele Groff (36)
8 giugno: Nancy Sinatra (69), Mick Huchnall (49)
10 giugno: Joao Gilberto (78)
12 giugno: Angela Baraldi (45), Francesco Renga (41)