testata
Archivio Editoriali - 6 Marzo 2010
a cura di Fiorenzo Pampolini

LA HIT PARADE DI LUTTAZZI - Dal 1967, Le Canzoni Reginesu Radio 2 - Seconda Parte

Cari amici, riprendiamo il discorso sul riscontro delle vendite dei 45 giri delle canzoni di Sanremo, proseguendo il confronto tra canzoni vincitrici e dischi più venduti.

 Nel 1968, si aggiudica il Festival Sergio Endrigo con Canzone per te, che otterrà un buon risultato anche in Hit Parade, ma sarà sorpassata da La tramontana di Antoine e da Canzone, nella versione del suo autore Don Backy che non l’aveva potuta cantare a Sanremo per dissapori con Adriano Celentano (sul palcoscenico del Festival l’avevano cantata lo stesso Celentano e Milva).

1969: Bobby Solo vince insieme ad Iva Zanicchi con Zingara. Il pezzo otterrà ottimi risultati anche in Hit Parade, insieme a La pioggia di Gigliola Cinquetti, Tu sei bella come sei di Mal e Bada bambina di Little Tony.

Nel 1970, la vittoria va ad Adriano Celentano e Claudia Mori con Chi non lavora non fa l’amore, ma i vincitori morali risulteranno poi essere Nicola Di Bari e i Ricchi e Poveri con La prima cosa bella (prima in Hit Parade tra i sanremesi). E più di Celentano, venderanno anche i Camaleonti con Eternità e l’accoppiata Sergio Endrigo/Iva Zanicchi con L’arca di Noè.

Nicola Di Bari e Nada salgono sul podio dei vincitori a Sanremo 1971, ma in classifica ottiene risultati migliori Lucio Dalla con l’evergreen 4 marzo 1943. Ben piazzato anche Adriano Celentano con Sotto le lenzuola. Quarto posto in Hit Parade tra le proposte sanremesi, la bellissima Che sarà, composta da Jimmy Fontana, e interpretata da José Feliciano e dai Ricchi e Poveri.

Nel 1972, Di Bari è ancora primo con I giorni dell’arcobaleno, ma nelle classifiche di vendita vanno meglio i Delirium con Jezahel e la giovane Marcella con Montagne verdi. Dal 1973, inizia il declino del Festival, e tra i primi posti della Hit Parade troviamo soltanto tre canzoni: Tu nella mia vita di Wess e Dori Ghezzi, Un grande amore e niente più del vincitore Peppino Di Capri, e Serena, della rivelazione Gilda Giuliani.

Per tornare ad una edizione che porti in classifica almeno due titoli, occorre aspettare il 1978, quando, più dei vincitori Matia Bazar con E dirsi ciao, scalano le classifiche Rino Gaetano con Gianna, e la sedicenne Anna Oxa in versione punk con Un’emozione da poco. Sanremo torna finalmente al grande successo nel 1981: vince Alice con Per Elisa, ma nella Hit Parade hanno miglior fortuna i Ricchi e Poveri con Sarà perchè ti amo e Loretta Goggi con Maledetta primavera.

Riccardo Fogli con Storie di tutti i giorni si aggiudica la vittoria nel 1982, ma Al Bano e Romina vendono di più con Felicità. L’anno successivo le vendite sono per i Matia Bazar con Vacanze romane, per Toto Cutugno con L’italiano e per Vasco Rossi, il quale dopo lo sfortunato debutto dell’anno precedente con Vado al massimo, torna in gara con Vita spericolata. La vittoria va alla semisconosciuta Tiziana Rivale con Sarà quel che sarà, ed è per questo che dall’anno successivo, il patron Gianni Ravera divide i partecipanti in due categorie, i big e le nuove proposte.

E il primo a trionfare nella categoria giovani nel 1984 è Eros Ramazzotti con Terra promessa, primo tra i giovani anche in Hit Parade. Anche Al Bano e Romina Power, vincitori tra i big con Ci sarà, sono ai primi posti della Hit Parade, seguiti, tra le proposte sanremesi, da Cara di Christian e Non voglio mica la luna di Fiordaliso.

Eros Ramazzotti con Una storia importante e il giovanissimo Luis Miguel con Noi ragazzi di oggi superano di parecchie posizioni in Hit Parade i Ricchi e Poveri, vincitori del Festival con Se m’innamoro, mentre Cinzia Corrado, vincitrice tra i giovani con Niente di più, resta lontana dai primi posti delle classifiche di vendita.

Convince sia le giurie del Festival che gli acquirenti di dischi Eros Ramazzotti con Adesso tu, primo in entrambe le classifiche nel 1986. Ottimo risultato anche per Mango con Lei verrà.

Ed anche nel 1987 i vincitori del Festival Gianni Morandi, Raf e Umberto Tozzi (Si può dare di più) sono primi anche in Hit Parade, seguiti da Toto Cutugno con Figli, da Fiorella Mannoia con Quello che le donne non dicono (composta da Enrico Ruggeri) e dal vincitore della categoria “Nuove Proposte” Michele Zarrillo con La notte dei pensieri.

Ci fermiamo qui, rinnovando l’appuntamento per sabato prossimo, quando concluderemo la nostra analisi tra canzoni vincitrici e dischi più venduti nelle varie edizioni del Festival di Sanremo. Sabato prossimo, saranno passate tre settimane dalla fine dell’ultimo Festival, e quindi potremmo fare qualche considerazione anche sul riscontro in termini di vendite delle canzoni presentate nella sessantesima edizione.

Ed ora eccoci agli auguri di Buon Compleanno, che questa settimana vanno a ...

6 marzo: Guidone (72 anni),  Kiki Dee (63)
7 marzo: Wanda Romanelli (75), Brunetta (65), Jo Chiarello (47), Valeria Rossi (37)
8 marzo: Antonello Venditti (61)
9 marzo: Chris Heaven (38), Antonino (27)
10 marzo: Umberto Balsamo (68), Giovanna (66), Marina Occhiena (60). Tina Charles (56)
11 marzo: Marisa Del Frate (79), Gipo Farassino (76), Cochi Ponzoni (69)
12 marzo: Patricia Carli (72), Al Jarreau (70), Liza Minnelli (64), James Taylor (62)