testata
Archivio Editoriali - 4 Giugno 2011
a cura di Manlio Di Meglio

RICCARDO AZZURRI ED IL SUO ULTIMO CD - Quando la promozione non fa il suo dovere

Cari amici per questa settimana, purtroppo, non possiamo pubblicare l'editoriale di Fiorenzo Pampolini a causa di difficoltà tecniche che lo hanno impedito. La tecnologia è bellissima, ma a volte basta un piccolissimo granello di polvere nell'ingranaggio e salta tutto. Comunque ai numerosi lettori dell'editoriale di Fiorenzo, che è una delle sezioni più seguite del nostro sito, assicuro che la prossima settimana tutto tornerà regolare .

Per una settimana, quindi, tocca a me tornare indietro di qualche anno e curare l'editoriale. Ovviamente lo faccio con grande piacere ed ho deciso di dedicarlo a Riccardo Azzurri.

Come ricorderete qualche settimana fa avevo già parlato di Riccardo Azzurri ed avevo avuto il piacere di entrare in contatto con questo bravissimo artista che si era un po' risentito in merito ai contenuti della scheda relativa al suo disco "Amare te" presentato al Festival di Sanremo del 1983.

Ovviamente abbiamo subito provveduto a modificare la scheda del disco non perché ce lo avesse chiesto Riccardo, ma perché era profondamente giusto farlo. Sfortunatamente troppo spesso l'assurdo sistema delle promozioni non fa il suo dovere e di  Riccardo Azzurri, nonostante non avesse mai abbandonato la carriera artistica,  poco o nulla si era più saputo. La colpa di tutto ciò è (ovviamente) imputabile al rifiuto di scendere a compromessi da parte dell'artista, indice questo di una profonda onestà, da difendere a tutti i costi.

Detto ciò, questa settimana voglio presentarvi l'ultimo cd inciso da Riccardo Azzurri. In questi giorni si dice che l'unico mezzo di comunicazione veramente libero rimasto (almeno per ora) sia la rete Internet ed allora in piena libertà vi assicuro che nessuno mi ha costretto a recensire il disco e che il cd è stato regolarmente da me acquistato (questo a scanso di equivoci che potrebbero far intendere che ci sia stato un reciproco scambio di favori).

Il CD si intitola "...Io, sempre io" e contiene dieci tracce, dieci canzoni d'amore come è nello stile produttivo di Riccardo Azzurri. Dire quale sia il brano più bello è difficile, perché già al primo ascolto il disco scorre piacevolmente, tuttavia dovendo proprio scegliere per forza due canzoni, potrei dire che "Io sempre io" e "Ah l'amore" sono forse i brani che inizialmente sembrano colpire di più. Ma è una scelta molto effimera visto che già al secondo ascolto, "Ce la farò", "Ricomincio da qui", "Il cielo non è più blu" potrebbero prendere il loro posto. Insomma, tutte le canzoni del CD sono assolutamente valide. La produzione del disco, poi, è sicuramente ben riuscita, anche grazie all'impiego di validi musicisti fra i quali citiamo (solo a titolo d'esempio) Gabriele Lorenzi, già componente della mitica Formula 3. Infine è giusto ricordare che tutti i proventi derivanti dalla vendita del disco saranno indirizzati a "I Ragazzi di Sipario" una cooperativa ONLUS che si occupa di "formazione professionale di persone disabili intellettive e sensoriali, “ad inserimento critico” e perciò ad alto rischio di esclusione sociale e promozione di un “nuovo modello di integrazione” che offre opportunità di una “reale” integrazione sociale, in un “reale” contesto di lavoro".
 

Tracce:

A piedi nudi
Scusami
Io sempre io
Ah, l'amore
Ce la farò
Meteore
Ricomincio da qui
A domani
Il cielo non è più blu
Eterna lealtà

Parole e Musica: Riccardo Azzurri

Etichetta: Interbeat cat. INT 01-10

Edizioni F.E.M. /Interbeat

Distribuzione: Egea Distribution

Prezzo : 12 Euro  spese postali incluse

Se non trovate il disco nei negozi, potete rivolgervi direttamente a Riccardo Azzurri www.riccardoazzurri.it per l'acquisto. Avrete l'occasione di entrare in possesso di un disco molto piacevole (molto meglio anche di alcuni dischi che si trovano ai primi posti delle "pseudo-classifiche") e di aiutare coloro che con immenso sforzo si occupano di persone meno fortunate di noi ma che, se aiutate, possono vivere la loro vita sicuramente in modo migliore.

******

In conclusione vi ricordo  che continua il nostro sondaggio sull’edizione del 1971: non perdete l'ottavoappuntament con le canzoni in gara in quella edizione. Anche questa settimana sul nostro sito potete votare il vostro cantante preferito e confrontare poi la classifica di oggi con quella ufficiale di 40 anni fa.

E allora, mi raccomando…

VOTATE, VOTATE, VOTATE!

Appuntamento a sabato prossimo e buona settimana a tutti!

PS. Per saperne di più su “Un disco per l’estate 1971”, clicca qui:

http://www.45mania.it/discoestate1971.html