testata
Archivio Editoriali - 31 Ottobre 2015
a cura di Fiorenzo Pampolini

FESTIVAL DI ZURIGO 1965 E LA QUINTA PUNTATA DE LA PROVA DEL NOVE

Cari amici, il 30 ottobre di 50 anni fa si svolge a Zurigo il nono festival della canzone italiana in Svizzera. In questa occasione, gli organizzatori decidono di organizzare una serata di canzoni italiane e cucina italiana per gli spettatori che assistono al Festival seduti ai tavolini del Palazzo dei Congressi.

Per la parte gastronomica della manifestazione, è di scena la cucina ligure con un ristoratore di Imperia che si trasferisce per qualche giorno a Zurigo con tutto il suo personale. Per quanto riguarda le canzoni, in palio c’è l’ormai tradizionale “Aquila d’oro” e l’insegna prescelta per questa edizione è “Dischi per l’Europa”.

Il comitato di beneficenza della colonia italiana di Zurigo che organizza la rassegna, si è assicurato l’intervento di 15 cantanti concorrenti, una cantante fuori concorso (la giovane Maria Della Sila che interpreta “Due croci sulla Sila”) e un’ospite d’onore di grande popolarità, Rita Pavone, che ripropone i suoi più recenti successi: “Lui”(la canzone che ha vinto l’ultimo Cantagiro), “Viva la pappa col pomodoro” (dal Giornalino di Gian Burrasca) e “Vediamoci ogni sera”.

L’evento va in onda alla radio alle ore 21 sul Secondo Programma, i presentatori sono Heidi Abel e Raniero Gonnella. Ecco l’elenco dei partecipanti con la rispettiva canzone:

Mario Abbate - Ammore, pienzeme
Michele Accidenti - Quando vedo te
Le Amiche - Basta con i ricordi
Jo Fedeli - Una palla di gomma
Nunzio Gallo - Non sai piangere
Remo Germani - Dammi la prova
Anna Identici - Un bene grande così
Anna Marchetti - Più di ieri
Roberta Mazzoni - Ho sofferto per te
Milena - Se te ne vai
Don Miko - Giura
Franco Ragona - Sei così
Robertino - Ho fatto centro nel tuo cuore
Emanuela Tinti - Ritornerò
Ben Venuti - Jacqueline, scusami

Una giuria internazionale vota per le canzoni in gara e assegna la vittoria a “Un bene grande così”, cantata da Anna Identici.

La quinta puntata del torneo abbinato alla Lotteria di Capodanno, “La prova del nove”, condotta da Corrado e Walter Chiari, va in onda mercoledì 27 ottobre 1965 alle ore 21 sul Programma Nazionale televisivo.

Questa settimana sono di scena le “Canzoni di casa nostra”, ovvero quelle che affondano più saldamente le loro radici nelle tradizioni popolari. Alcune di queste canzoni hanno superato i confini della propria zona geografica e sono diventate famose in tutta Italia, e gli autori della trasmissione hanno attinto a questo repertorio per scegliere le otto da mettere in gara.

Per la quaterna di canzoni antecedenti al 1940, si comincia con una canzone abruzzese, “Vola vola vola”, interpretata da Michele Accidenti, poi è la volta della Sicilia con “Ciuri ciuri”, cantata da Nuzzo Salonia. Da Milano arriva “Madonina”, per la voce di Milly, e dalla Sardegna “Disisperada” proposta da Matteo Peru.

A rappresentare il secondo gruppo (quello delle canzoni successive al 1940) ecco Trieste con “Te vojo ben”, cantata da Teddy Reno, il Lazio, con “Vecchia Roma”, proposta da Claudio Villa, il Piemonte con “Ciao Turin”, nell’interpretazione di Achille Togliani ed infine Napoli con “Na voce, na chitarra e ‘o poco ‘e luna”, cantata da Fausto Cigliano.