testata
Archivio Editoriali - 30 Settembre 2017
a cura di Fiorenzo Pampolini

FESTIVAL DELLE ROSE 1967. AL CAVALIERI HILTON DI ROMA VINCE AL BANO

Cari amici, dopo la pausa estiva ritorna l’appuntamento settimanale con la nostra consueta nota sugli eventi musicali di 50, 40 e 30 anni fa.

Questa settimana è di scena la quarta (ed ultima) edizione del “Festival delle Rose”, la rassegna canora che prese il via nel 1964 e che si svolgeva nei saloni dell’Hotel Cavalieri Hilton di Roma all’inizio dell’autunno.

L’edizione 1967 del Festival delle Rose si svolge nei giorni 3, 4 e 5 ottobre. I presentatori delle tre serate sono Corrado e Nunzio Filogamo, l’orchestra è diretta da Gorni Kramer. Le canzoni in gara sono 24, e nel regolamento c’è una novità: ogni motivo in gara deve avere tre esecuzioni, nell’ordine un cantante solista, un gruppo e un complesso da night.

In realtà, alla vigilia del Festival, si registrano alcune defezioni, dovute anche al ritiro dei propri artisti da parte di Case discografiche come la Ricordi e la Fonit Cetra. Così, pur rispettando la tripla esecuzione, qualche canzone viene eseguita anche da attori (testo recitato) o da orchestre e corpi di ballo. Giorgio Gaber e Rocky Roberts sono in gara ognuno con due canzoni.

La RAI decide di trasmettere l’evento in TV soltanto il 30 ottobre in seconda serata sul Secondo Programma, mentre la radio dedica all’evento uno spazio pomeridiano, trasmettendo il 10 ottobre sul Programma Nazionale una sintesi della manifestazione, nella collocazione oraria normalmente occupata da “Zibaldone italiano” (ovvero dalle 14.40 alle 15.45).

Ecco l’elenco delle 24 canzoni in gara con i rispettivi interpreti, con l’indicazione delle nove canzoni finaliste:

Abbiamo tanto tempo (Mirna Doris – Manila Sebastiani – David & Jonathan)
Al bar del corso (Giorgio Gaber – Anna Identici – The Hippies) FINALISTA
Allora decidi ora (Piergiorgio Farina – I Roll’s 33 – The Showmen)
Canta che ti passa la paura (Annarita Spinaci – Herbert Pagani – I Tarli)
Che vuole questa musica stasera (Peppino Gagliardi – Pat Starke – Paola Orlandi e i 4 + 4)
Gianni (Pino Donaggio – Sonia – Il Balletto Olimpia)
Giulia (Cino Benci – Igor Mann e i Gormanni – Tony Massarelli)
Il cacciatore (Louiselle – Mike Liddell & Gli Atomi – Orchestra)
Il cielo (Lucio Dalla – Dino Cabano – Tony Benn e i Big T.) FINALISTA
Il freddo (Guido Russo – Luisella Ronconi – Hervé Vilard)
Il pieno (Lara Saint Paul – I Romans – I Folk Studio Singers) FINALISTA
Il re della speranza (Armando Savini – Leo Sardo – Paolo Bracci) FINALISTA
Il successo (Alberto Anelli – Jonathan & Michelle – I Pops)
Io potrei (Orietta Berti – Philippe Olivier – Orchestra) FINALISTA
La mia passeggiata (Joe Sentieri – Mister Anima – Il Balletto Olympia)
L’oro del mondo (Al Bano–Andrea Giordana–Orch. C.Loffredo e i 4+4 di N.Orlandi) FINALISTA
Per conquistare te (Anna Marchetti – Rocky Roberts – I Crazy Boys) FINALISTA
Piccola (Mario Zelinotti – I Nuovi Angeli – Los Marcellos Ferial)
Quante cose non ti ho detto mai (Julie Rogers – Cheiko Serna – Eva)
Se l’amore c’è (Tony Cucchiara – Nelly Fioramonti – Rocky Roberts)
Suona chitarra (Giorgio Gaber – Pippo Franco – Lea Padovani)
Una testa dura (Isabella Iannetti – Claudio Lippi – Les Surfs) FINALISTA
Vivere per vivere (Memo Remigi – Dori Ghezzi – Santo & Johnny) FINALISTA
Zabadak (The Sorrows – Dave Dee, Dozy, Beaky, Mick & Tich – Il Balletto Olympia)

Al termine della serata finale, le premiazioni.

Al terzo posto, si classifica “Il pieno”, interpretata da Lara Saint Paul, i Romans e i Folk Studio Singers. Al secondo posto, “Vivere per vivere”, proposta da Memo Remigi, Dori Ghezzi e Santo & Johnny. Il testo di questa canzone è di Franco Califano, mentre la musica è il tema d’amore del film “Vivere per vivere”, le cui musiche sono state composte da Francis Lai.

Vince il Festival delle Rose 1967, la canzone “L’oro del mondo”, interpretata da Al Bano. Le altre due versioni del brano sono proposte dall’attore Andrea Giordana (testo recitato) e dall’orchestra di Carlo Loffredo con i 4+4 di Nora Orlandi. Il vero trionfatore è dunque il cantante di Cellino San Marco, che pochi mesi prima era stato la rivelazione di “Un disco per l’estate” con la canzone “Nel sole”. Vengono inoltre assegnati il Premio della Critica alla canzone “Il cielo”di Lucio Dalla, e il Premio Ente del Turismo alla canzone “Una testa dura” proposta da Isabella Iannetti, Claudio Lippi e Les Surfs.