testata
Archivio Editoriali - 30 Maggio 2015
a cura di Fiorenzo Pampolini

MUSICA SENZA PAROLE - La fase eliminatoria di "Un disco per l'Estate 1975"

Cari amici, nella settimana da lunedì 19 a domenica 25 maggio 1975, si svolge alla radio la fase eliminatoria della dodicesima edizione di “Un disco per l’estate”.

Nel tardo pomeriggio, alle ore 18, da lunedì a sabato, Mike Bongiorno presenta le 48 canzoni in gara, suddivise in 6 gruppi di 8 canzoni ciascuno. I giurati, selezionati tra gli abbonati al telefono, ascoltano da casa la trasmissione e votano. Da martedì a domenica, all’ora di pranzo, si riascoltano le canzoni del pomeriggio precedente e viene comunicata la relativa classifica.

Al termine della trasmissione di domenica 25, è pronta la classifica generale definitiva che designa i 24 finalisti per le serate finali di Saint Vincent.

I primi tre posti sono per il Guardiano del Faro (che si confermerà vincitore a Saint Vincent) con “Amore grande, amore libero”, Mino Reitano (“E se ti voglio”), e i Romans (“Stiamo bene insieme”). Promosse le cinque composizioni strumentali e le due di ballo liscio, mentre non superano il turno Loredana Berté e i Matia Bazar, entrambi con due canzoni (rispettivamente “Sei bellissima” e “Stasera che sera”) che avranno modo di rifarsi nei negozi di dischi. Tra i big, eliminati anche Gino Paoli, Rosanna Fratello e, per un solo punto, Peppino Di Capri e Riccardo Fogli.

Grande successo dunque per la musica senza parole. Oltre al capolista Guardiano del Faro, Federico Monti Arduini, le altre quattro composizioni strumentali sono, in ordine di classifica,  “Sogni senza fine” dell’Equipe 84, “Popsy” di Johnny Sax, “Aloha” di Andy Bono (chitarrista hawaiano di Chieti), “Pao-pop” di Enrico Intra.

Da qualche anno, i brani strumentali sono presenti in “Hit Parade”. Prima, le incisioni di grandi orchestre come quelle di Frank Pourcel, Ray Connif, Ferrante e Teicher, Nelson Riddle, erano considerate come un prodotto d’élite, ora anche questo genere è diventato di largo consumo.

Il tedesco James Last è presente nella classifica dei 33 giri con un album che rivisita i grandi classici della musica (Beethoven, Bach, Rossini, Verdi). E poi c’è Fausto Papetti con il suo sax confidenziale, il brasiliano Eumir Deodato e l’oriundo Ralph Benatar (sassofonista dei Lovelets, il gruppo che ha lanciato “Emmanuelle”). Benatar è in arrivo in Italia per presentare la sua versione del “Padrino n. 2”, con la quale spera di ripetere il successo di “Emmanuelle”. Nonostante sia nato in Congo e viva a Bruxelles, il sax dei Lovelets ha passaporto italiano poiché i suoi genitori sono abruzzesi.

Ad incrementare l’interesse per le incisioni di sola musica hanno contribuito notevolmente gli autori italiani delle colonne sonore dei film e delle trasmissioni televisive, alcuni dei quali sono diventati celebri anche in campo internazionale. Citiamo Nino Rota (che ha vinto l’Oscar per la musica del “Padrino n. 2”), Ennio Morricone, Piero Piccioni, Carlo Rustichelli, Armando Trovajoli, Riz Ortolani.

Tra i film, da citare “Il Padrino” e “La stangata” (che ha fatto rinascere il ragtime), mentre dalla TV arriva “A blue shadow” di Berto Pisano, sigla dello sceneggiato “Ho incontrato un’ombra”.

Intanto, a Roma, nell’unico ritrovo alla moda della zona di via Veneto che non abbia sostituito l’orchestra con la discoteca, si esibisce Gil Ventura (vero nome Marcello Olmari), sassofonista milanese che, come Fausto Papetti, si è fatto conoscere per aver inciso alcuni long-playing strumentali. L’ultimo di questi riunisce 12 brani tratti dai temi musicali di altrettante trasmissioni televisive (tra gli altri “Orlando furioso”, “Ho incontrato un’ombra”, “Il commissario De Vincenzi”, “Malombra”, “Mille e una sera”).

Tornando alla fase eliminatoria di “Un disco per l’estate” 1975, ricordiamo che di questa come delle altre edizioni della rassegna canora di Saint Vincent, potete trovare notizie, elenco completo delle canzoni in gara, classifiche e copertine dei 45 giri, nell’apposita sezione del nostro sito:

http://www.45mania.it/old/discoestate1975.html

Ed anche per oggi è tutto.

Appuntamento a sabato prossimo!