testata
Archivio Editoriali - 29 Luglio 2017
a cura di Fiorenzo Pampolini

FESTIVAL DI NAPOLI 1967. 50 ANNI FA LA FINALE AL MASCHIO ANGIOINO

Cari amici, nel 1967 il Festival della canzone napoletana si svolge in anticipo rispetto agli altri anni. Le tre serate si tengono infatti dal 13 al 15 luglio, e  non a settembre come nelle ultime edizioni. Ma non è la sola novità. Il Festival, infatti, va all’aperto: abbandonati i roventi teatri chiusi degli anni precedenti, quest’anno ognuna delle tre serate ha una sede diversa.

Si comincia il 13 luglio a Sorrento, Hotel dei Principi, presentatore Renato Tagliani, il 14 si va ad Ischia, Punta Molino, presentatore Daniele Piombi, e per la serata finale si torna a Napoli, ma nel cortile del Maschio Angioino. E qui a presentare c’è Corrado.

Le tre serate sono trasmesse in diretta radio e TV alle ore 21.15 (la finale alle 21), le canzoni in gara sono 30, e alla serata di sabato arrivano in 14. Tra gli artisti in gara, molti esponenti della canzone napoletana, come Sergio Bruni, Mario Abbate, Aurelio Fierro, Nunzio Gallo, Gloria Christian, Maria Paris, Mario Trevi, Mario Merola, Tony Astarita, Nino Fiore, Peppino Di Capri, Antonio Buonomo, Gino Di Procida.

Ma ci sono anche i vincitori del concorso “Due voci per Napoli”, il giovane Gianni Nazzaro, ancora con il nome d’arte di Buddy, ed altri interpreti non partenopei, come Domenico Modugno, Luciano Tajoli, Robertino, Don Backy, Tony Dallara, Memo Remigi, Gianni Meccia, Luisa Casali e persino Anna German, una cantante polacca che aveva partecipato all’ultimo Festival di Sanremo. Con il solo nome di battesimo, è in gara anche il giovane Teo Teocoli, ma la sua “Carulina nun parte cchiù”, viene eliminata dalle giurie al primo turno.

Ecco l’elenco delle 14 canzoni finaliste, con i relativi interpreti:

‘A canzona (Robertino e Bruno Venturini)
Addio felicità  (Mirna Doris e Luciano Tajoli)
Allegretto ma non troppo (Mario Abbate e Mario Merola)
Angelica (Nunzio Gallo e Memo Remigi)
‘A prutesta (Nino Taranto e Gloria Christian)
Casarella ‘e piscatore (Mario Trevi e Gloria Christian)
Freva ‘e gelusia (Maria Paris e Mario Merola)
Mare pittato ‘e luna  (Aurelio Fierro e Fulvio Picone)
Mia (Sergio Bruni e Robertino)
‘O Matusa (Nino Taranto e I Balordi)
‘O Vesuvio (Domenico Modugno e Sergio Bruni)
Pulecenella ‘o core ‘e Napule (Aurelio Fierro e Maria Paris)
Te faie desiderà (Lara Saint Paul e          Anna German)
Voce scunusciuta (Mario Abbate e Nunzio Gallo)

Ed ecco l’elenco delle 16 canzoni eliminate al primo turno:

Biancaneve (Mario Trevi e Tony Astarita)
Carulina nun parte cchiù (I Campanino e   Teo)
Chiuveva (Gelsomina Giannattasio  e I Delfini)
Comme ‘o destino d’ ‘e ffronne (Tony Dallara e I Jaguars)
Dint’a ll’arca ‘e Noè (         Gianni Meccia e Paolo Gualdi)
E facimmece ‘a croce (Don Backy e Ettore Lombardi)
Ma comme va? (Luisa Casali e Lalla Leone)
Napule vo’ cantà (Wanda Romanelli e Nando Prato)
Notte ‘e nustalgia (Tony Astarita e Nora Palladino)
Nun spezzà sta catena (Mirna Doris e Antonio Buonomo)
‘O tiempo ‘e Maria (Peppino Di Capri e Lello Caravaglios)
Sincerità (Gino Da Procida e Antonio Buonomo)
Sulo pe ‘mme e pe ‘tte (Leo Ragano e Buddy)
Tante tante tante tante (Tony Dallara e Lalla Leone)
Troppa felicità (Lando Fiorini e Gino Da Procida)
Tu, core mio (Nino Fiore e Alberto Roscani)

La serata finale si conclude con la proclamazione dei vincitori. Al terzo posto (ma visto l’ex aequo del secondo posto, sarebbe più giusto parlare di quarto posto) si classifica “Pulecenella ‘o core ‘e Napule”, interpretata da Aurelio Fierro e Maria Paris, al secondo posto (ex aequo) “A prutesta” di Nino Taranto e Gloria Christian, e “‘O Vesuvio” cantata da Domenico Modugno e Sergio Bruni.

Vince il Festival di Napoli 1967 (con un solo punto di vantaggio rispetto alle due canzoni in seconda posizione) “‘O matusa” interpretata da Nino Taranto e dal complesso I Balordi.