testata
Archivio Editoriali - 28 Maggio 2016
a cura di Fiorenzo Pampolini

HIT PARADE 1966 - LA TOP TEN DI CINQUANT'ANNI FA

Cari amici, 50 anni fa “Michelle” dei Beatles era in vetta alla classifica dei 45 giri più venduti. Era entrata in classifica un paio di mesi prima e si era insediata subito al primo posto, posizione che manterrà per oltre due mesi.

Ma alla fine di maggio, il primato dei Fab Four era insidiato dalle nuove canzoni estive che, dopo i primi passaggi radiofonici, iniziavano ad entrare in classifica.

Ecco per esempio “La fisarmonica”, di Gianni Morandi., un pezzo che era nato come facciata B del 45 giri “Mi vedrai tornare”, ma che diventerà poi a fine anno uno dei grandi successi dell’intero 1966.

Per i più romantici, troviamo in classifica anche il nuovo singolo di Adamo, dal titolo “Amo”, e “Qui ritornerà” di Rita Pavone. Ma “Pel di carota” è in classifica anche con il nuovo, scatenato ballo lanciato dalla trasmissione TV Studio Uno durante le settimane di conduzione della cantante torinese, ovvero “Il geghegè”.

In classifica anche Nancy Sinatra, figlia del grande Frank, con “These boots are made for walking”, e due grandi complessi dell’epoca, i Rokes di Shel Shapiro con “Che colpa abbiamo noi” e l’Equipe 84 di Maurizio Vandelli con “Resta”.

La radio trasmette da oltre un mese le 46 canzoni in gara nella terza edizione di “Un disco per l’estate”, canzoni che hanno avuto anche un passaggio televisivo in seconda serata nelle vetrine presentate da Nunzio Filogamo e Daniele Piombi. Ed ecco affacciarsi in classifica, prima delle finali di giugno a Saint Vincent, alcuni titoli della rassegna canora, come “Tema” dei Giganti e “L’uomo d’oro” di Caterina Caselli.

La canzone della Caselli ricalca un po’ gli schemi di “Nessuno mi può giudicare”, il primo grande successo di Casco d’oro, proposto qualche mese prima al Festival di Sanremo. Ma ancora di più vende la facciata B di questo pezzo, “Perdono”, che i discografici decidono di far partecipare al Festivalbar.

I Rolling Stones sono in classifica con due canzoni, “19th nervous breaking” e “Con le mie lacrime”. Quest’ultima, proposta in italiano dalla voce del giovane Mick Jagger, parteciperà anch’essa al Festivalbar che il patron Vittorio Salvetti sta organizzando per la terza estate consecutiva.

E a proposito di gare estive, già abbiamo detto di Un disco per l’estate, che sta selezionando le 20 canzoni per le serate di Saint Vincent, mentre sono in preparazione il già citato Festivalbar e la quinta edizione del Cantagiro, per la quale il patron Ezio Radaelli sta mettendo a punto una gradita novità.

Visto il grande successo dei complessi, il Cantagiro 1966 sarà infatti diviso in tre gironi. Fino all’edizione precedente, c’erano il girone A per i big e il girone B per i giovani, da quest’anno c’è il nuovo girone C riservato appunto ai complessi. Avremo modo di parlarne più diffusamente nelle prossime settimane.

E facciamo un balzo in avanti di 10 anni, per ricordarvi gli argomenti trattati nella nuova puntata di “E adesso yesterday” on line questa settimana sul nostro sito. Aprile 1976: Al Bano e Romina Power in gara all’Eurofestival con “Noi lo rivivremo di nuovo”, Eugenio Finardi propone i suoi primi grandi successi, “Musica ribelle” e “La radio”, tratti dall’album “Sugo”, in Hit Parade Lucio Battisti è sempre primo con “Ancora tu”, mentre le new entry sono i nuovi singoli di Luciano Rossi, La Bottega dell’Arte e i Cugini di Campagna. Tutti questi eventi sono raccontati con foto e video d’epoca.