testata
Archivio Editoriali - 23 Dicembre 2017
a cura di Fiorenzo Pampolini

BUON NATALE CON LE HIT PARADE DI 50, 40, 30 ANNI FA

Cari amici, un altro Natale è arrivato, e noi, prima degli auguri di rito, andiamo a rivivere l’atmosfera natalizia di 50, 40 e 30 anni fa con le canzoni che si ascoltavano all’epoca durante il periodo delle Festività.

La Hit Parade del Natale 1967 assegnava l’ottava posizione ad un singolo di Gianni Morandi, “Tenerezza”, inciso in occasione di una licenza dal servizio militare. Al settimo posto, Frank Sinatra con “The world we knew”, in sesta posizione una protagonista di “Partitissima”, Dalida, con “L’ultimo valzer”.

Risalendo la classifica, troviamo in quinta posizione “Poesia” di Don Backy, in quarta “Il sole è di tutti” di Stevie Wonder. Ed eccoci alle “damigelle d’onore”, così le definiva il maestro Lelio Luttazzi illustrando ogni venerdì alla radio la classifica degli otto singoli più venduti. Terzo posto per Scott Mc Kenzie con “San Francisco”, canzone-manifesto del movimento hippy, della quale Bobby Solo interpretò la versione italiana. Al secondo posto, un altro singolo di Dalida, “Mama”, cover di “When my dollies have babies”, scritta da Sonny Bono per la moglie Cher.

Canzone regina è “L’ora dell’amore” dei Camaleonti. E’ la versione italiana (tradotta da Daniele Pace) di "Homburg”, secondo singolo di successo del gruppo inglese dei Procol Harum. Il pezzo sarà poi inserito anche nell’album di Dalida “Un po’ d’amore”.

Quarant’anni fa, la classifica dei singoli più venduti assegnava l’ottavo posto a Pippo Franco con “Isotta”, sigla dell’anteprima di “Secondo voi”, lo spettacolo abbinato alla Lotteria Italia che prese il posto di “Canzonissima”.

Al settimo posto c’è Umberto Balsamo con “L’angelo azzurro”, al sesto Meco con “Star wars”, tema dalla colonna sonora del film omonimo. Quinti i Café Créme con “Unlimited citation”, ovvero un medley delle canzoni dei Beatles in versione “disco”. In quarta posizione, ci sono i Santa Esmeralda con “Don’t let me be misunderstood”.

Terzi i Pooh con “Dammi solo un minuto”, dall’album “Rotolando respirando”, al secondo posto Santana con “Moon flower”, dall’album omonimo. Canzone regina della Hit Parade di Natale 1977 è “Solo tu” dei Matia Bazar.

Trent’anni fa, all’ottavo posto c’era Madonna con “Causing a commotion”, al settimo George Michael con “Faith”. Sesto posto per Toto Cutugno con “Una domenica italiana”, sigla di “Domenica In”.

Al quinto posto ci sono i Pet Shop Boys con “Rent”, e poi risalendo la classifica, due canzoni italiane, “I maschi” (dall’album “Maschi e altri”) di Gianna Nannini al quarto posto e “Io ballerò” di Lorella Cuccarini al terzo. Quest’ultima era la sigla del varietà televisivo “Festival” che si ricorda per il breve periodo di Pippo Baudo sulle reti Fininvest,

Secondo posto per Marrs con “Pump up the volume”, mentre la canzone regina è “La bamba” dei Los Lobos.

Ed anche per oggi ci fermiamo qui, inviando a tutti voi che ci seguite sempre ogni settimana, i nostri migliori auguri per un Natale pieno di gioia e serenità.