testata
Archivio Editoriali - 22 Novembre 2014
a cura di Fiorenzo Pampolini

CANZONISSIMA 1974. In gara anche la musica folk

Cari amici, 40 anni fa era in pieno svolgimento quella che sarebbe stata l’ultima edizione di “Canzonissima”.

Il mitico spettacolo abbinato alla Lotteria di Capodanno (più tardi denominata semplicemente Lotteria Italia) aveva debuttato nel 1956 con una gara radiofonica intitolata “Le canzoni della fortuna”. L’anno successivo il torneo diventa “Voci e volti della fortuna”, e sbarca in TV come gara di voci nuove presentate da Enzo Tortora e Silvio Noto.

Il fortunato titolo “Canzonissima” arriva nel 1958, e tale rimane fino al 1962. Poi, arrivano alcune edizioni con titoli diversi, “Gran Premio” nel 1963, “Napoli contro tutti” nel 1964, “La prova del nove” nel 1965, “Scala reale” nel 1966 e “Partitissima” nel 1967. Si torna al titolo originale con l’edizione del 1968, fino all’ultima edizione della quale parliamo in questa nota.

Mancano ancora alcune settimane all’inizio di Canzonissima 1974, quando i giornali pubblicano in prima pagina la notizia di uno scandalo che coinvolge l’edizione di 3 anni prima. Sembra ci siano stati brogli nel conteggio delle cartoline inviate dal pubblico, 22 comunicazioni giudiziarie vengono inviate a cantanti e discografici. Ma poi furono tutti prosciolti.

Intanto, in RAI si sta mettendo a punto la nuova edizione, affidata a Raffaella Carrà, Cochi e Renato e Topo Gigio. La regia è di Eros Macchi, le scenografie sono di Gaetano Castelli, il direttore d’orchestra è Paolo Ormi. In alcuni sketches di Cochi e Renato, appare anche Massimo Boldi, alla sua prima esperienza televisiva.

La collocazione in palinsesto è confermata per la domenica pomeriggio alle 17.40, a partire dal 6 ottobre, e gli artisti partecipanti vengono suddivisi in due categorie, la musica leggera (con 30 interpreti in gara) e il folk (12 cantanti). Si tratta di una novità assoluta: la musica folk sta riscontrando ottimi risultati di vendita, e dunque i discografici chiedono ed ottengono l’introduzione di questo genere nella popolare gara canora di fine anno. In finale, il 6 gennaio, arriveranno 7 esponenti della musica leggera e due per il folk.

Si definiscono i compensi per il cast: la Carrà percepisce un milione e mezzo di lire a puntata, Cochi e Renato (ed Enzo Jannacci che ne firma i testi) un milione a testa, 500mila lire per Topo Gigio, 3 milioni vanno ai cantanti e 600mila lire agli ospiti. La sigla iniziale (Felicità-ta-ta) è interpretata dalla Carrà, mentre quella finale (E la vita, la vita), scritta da Enzo Jannacci e Renato Pozzetto, è interpretata da Cochi e Renato.

Tornano in gara i complessi (novità dell’edizione precedente), mentre l’unico nome nuovo nella categoria “Musica leggera” è quello delle sorelle Calore (Gloria e Denise) reduci da due recenti vittorie, la prima al Festival di Castrocaro, la seconda subito dopo nella categoria “Giovani” della Mostra Internazionale di Musica Leggera di Venezia. Ed ecco il cast (in ordine alfabetico), con la canzone proposta al primo turno.

MUSICA LEGGERA
Al Bano  Addio alla madre
Gli Alunni del Sole Jenny
Gianni Bella  Più ci penso
Orietta Berti La bella giardiniera tradita nell’amor
Gloria e Denise Calore Il carro e gli zingari
I Camaleonti Il campo delle fragole
Gigliola Cinquetti L’edera
Nicola Di Bari Io e te, Maria
Peppino Di Capri Piano piano dolce dolce
I Dik Dik Help me
L’Equipe 84 Mercante senza fiori
Peppino Gagliardi Che cos’è
Giovanna Questo amore un po’ strano
Gilda Giuliani Si ricomincia
Little Tony Cavalli bianchi
Anna Melato Nuvole nuvole
Paola Musiani Tango della gelosia
Gianni Nazzaro Questo sì che è amore
I Nomadi  Tutto a posto
I Nuovi Angeli Carovana
Gino Paoli  Il manichino
Romina Power Con un paio di blue jeans
Massimo Ranieri Immagina
Mino Reitano  Innamorati
Memo Remigi    Emme come Milano
Marisa Sacchetto   Tango delle rose
Franco Simone Fiume grande
I Vianella Com’è bello far l’amore quand’è sera
Claudio Villa Una splendida bugia
Wess e Dori Ghezzi Noi due per sempre
   
FOLK  
Roberto Balocco Fantasia piemonteisa
Rosa Balistreri  Mi votu e mi rivotu
Elena Calivà U sciccareddu
Il Canzoniere Internazionale Siamo venuti a cantar maggio
Maria Carta Ave Maria
Fausto Cigliano O guarracino
Duo di Piadena Meglio sarebbe
Lando Fiorini Barcarolo romano
Marina Pagano  Tammurriata nera
Lino Patruno e Nanni Svampa Mestieri ambulanti
Otello Profazio  Tarantella cantata
Tony Santagata Quant’è bello lu primu amore

 































 

 

 

 

 

 











Alle semifinali, che si svolgono domenica 8 e domenica 15 dicembre, restano in gara dieci interpreti per la categoria “Musica leggera” e quattro per la categoria “Folk”, che gareggiano con canzoni inedite. Per la “Musica leggera”, andranno in finale i tre cantanti più votati per ciascuna delle due puntate più il miglior quarto, per un totale di sette finalisti. Per la categoria “Folk”, saranno promossi in finale due cantanti, uno per puntata.

Ne riparleremo prossimamente.

E per oggi ci fermiamo qui. Buona settimana a tutti!