testata
Archivio Editoriali - 20 Febbraio 2016
a cura di Fiorenzo Pampolini

SANREMO 2016. VINCONO GLI STADIO, SECONDA LA MICHELIN, TERZI CACCAMO E IURATO.

Cari amici, questa settimana lasciamo in garage la nostra macchina del tempo e parliamo della 66esima edizione del Festival di Sanremo, che si è conclusa il 13 febbraio scorso.

Il Festival si è dimostrato, come ormai accade da diversi anni, un grande spettacolo televisivo dove sono sfilate non solo le 28 canzoni in gara (20 per la categoria Big e 8 per i Giovani), ma dove sì è visto di tutto, dalla musica italiana (superospiti Laura Pausini, Eros Ramazzotti, Elisa, i Pooh, Renato Zero) a quella straniera (citiamo per tutti il grande Elton John), a quella classica con la superlativa l’esibizione del maestro Ezio Bosso che ci ha dato anche una grande lezione di umanità.

E poi la danza con Riccardo Bolle, il cinema con Nicole Kidman, la comicità con Aldo, Giovanni e Giacomo, Enrico Brignano, Nino Frassica, Giorgio Panariello e Leonardo Pieraccioni. Insomma cinque serate interminabili ma divertenti che sono filate via lisce con Carlo Conti, sempre presente sul palco, affiancato da Gabriel Garko, Madalina Ghenea e Virginia Raffaele che, sera dopo sera, si è trasformata in Sabrina Ferilli, Carla Fracci, Donatella Versace e Belen Rodriguez.

Abbiamo già parlato la scorsa settimana della classifica dei giovani (vincitore Francesco Gabbani con “Amen”), oggi ripercorriamo la classifica definitiva della serata finale partendo dalla sedicesima classificata.

16. Irene Fornaciari con “Blù”. La figlia di Zucchero è stata ripescata grazie al televoto, ma ha concluso comunque la gara in ultima posizione

15. Dolcenera con “Ora o mai più (le cose cambiano)”. Bella voce come sempre, brava anche al pianoforte, Emanuela ha proposto questo pezzo di sua composizione con vena rithm and blues.

14. Alessio Bernabei con “Noi siamo infinito”. E’ andata meglio all’ex vocalist dei Dear Jack che al resto del gruppo con il nuovo cantante. Loro infatti non son riusciti ad arrivare in finale.

13. Valerio Scanu con “Finalmente piove”. Il vincitore di Sanremo 2010 era in gara con questa canzone scritta per lui da Fabrizio Moro. Scanu è stato molto bravo anche nella serata cover con “Io vicrò senza te” di Battisti.

12. Elio e le Storie Tese con “Vincere l’odio”. Ironici, dissacranti e divertenti, come sempre, gli “Elii” ci hanno proposto una strana canzone fatta di soli ritornelli.

11. Annalisa con “Il diluvio universale”. Era tra le favorite alla vittoria la cantante di Savona, ma il suo pezzo va probabilmente ascoltato più di una volta per essere apprezzato.

10. Arisa con “Guardando il cielo”. Tornata cantante, dopo l’esperienza come valletta dell’edizione 2016, la cantante di “Sincerità” porta in gara una canzone composta dal suo ex-fidanzato Giuseppe Anastasi.

9. Rocco Hunt con “Wake up”. Il vincitore di Sanremo Giovani del 2014, torna in gara, questa volta tra i big, con un rap dedicato alla sua terra.

8. Noemi con “La borsa di una donna”. Finita a rischio eliminazione nella prima serata, la giudice di The Voice ha risalito poi diverse posizioni con questa canzone scritta da Marco Masini.

7. Clementino con “Quando sono lontano”. Un altro rapper napoletano che è stato un po’ la rivelazione di questo Festival. Bravissimo anche nella cover “Don Rafaè” di De André

6. Patty Pravo con “Cieli immensi”. Che dire? Divina, come sempre. La canzone è bellissima, scritta per lei da Federico Zampaglione.

5. Lorenzo Fragola con “Infinite volte”. Per il giovane vincitore di X Factor, una conferma del successo che già ha avuto lo scorso anno.

4. Enrico Ruggeri con “Il primo amore non si scorda mai”. Ottima prova di un veterano del Festival che lo aveva visto vincitore nel 1987 (con Morandi e Tozzi) e nel 1993.

3. Giovanni Caccamo e Deborah Iurato con “Via da qui”. Un duetto tipicamente sanremese (la canzone porta la firma di Giuliano Sangiorgi dei Negramaro) per i vincitori rispettivamente di Sanremo Giovani 2015 e di Amici. Erano tra i favoriti, si son fermati al terzo posto.

2. Francesca Michielin con “Nessun grado di separazione”. E’ stata la sorpresa di Sanremo 2016, d’altra parte la Michielin dopo la vittoria a X Factor aveva già lanciato alcuni brani di successo, e dunque si è meritata questo secondo posto.

1. Gli Stadio con “Un giorno mi dirai”. Già vincitori nelle cover con “La casa dei miracoli” di Lucio Dalla, Gaetano Curreri e compagni, si sono imposti con questa canzone che piace molto anche a Vasco Rossi.

Intanto, si è appreso che, dopo la rinuncia degli Stadio, sarà Francesca Michielin a rappresentare l’Italia all’Eurovision Song Contest 2016.