testata
Archivio Editoriali -14 Ottobre 2017
a cura di Fiorenzo Pampolini

OTTOBRE 1977: NOVITA' E CLASSIFICHE

Cari amici, esattamente 40 anni fa, nel mese di ottobre del 1977, i Pooh stanno per partire per una lunga tournée che permetterà loro di presentare il pop all’italiana in Bulgaria, Romania, Germania, Francia e Spagna, e per la prima volta in Canada, negli Stati Uniti e nel Sud America. Portano con loro in valigia il terzo disco d’oro che hanno appena guadagnato grazie anche alle vendite del loro album “Rotolando respirando”.

Fiorella Mannoia è un nome nuovo della canzone italiana. 22 anni, romana, all’età di 15 anni aveva iniziato una spericolata professione, quella di cascatrice, doppiando nelle scene più pericolose attrici come Elizabeth Taylor, Sophia Loren, Virna Lisi e Monica Vitti. Ora hanno scoperto che ha una bella voce, adatta a brani di genere melodico, ed ecco che la bella Mannoia si presenta con “Tu amore mio”, il suo esordio dopo la firma del contratto con una importante Casa discografica. Fin qui quello che scriveva il Radiocorriere TV 40 anni fa. In realtà la Mannoia aveva debuttato come cantante nove anni prima al Festival di Castrocaro, e con il solo nome di battesimo aveva partecipato senza fortuna al Disco per l’estate 1969 con la canzone “Gente qua, gente là”.

Sesto album per Roberto Vecchioni. Ha un titolo misterioso, “Samarcanda”, titolo anche di una delle canzoni del 33 giri tratto a sua volta da una novella raccontata a Vecchioni da qualcuno che ha conosciuto. Un disco maturo e vario dove ad una prima facciata musicalmente ”leggera”, si aggiunge una seconda più impegnativa con brani quasi collegati tra loro. Molto buona la realizzazione del disco dove si può apprezzare la collaborazione di Angelo Branduardi al violino, quella di Toni Esposito e di altri noti musicisti.

Claudia Cardinale, nei ritagli di tempo di un film che sta girando a Parigi ha inciso per la prima volta una canzone, “Love affair”, che si appresta a scalare le classifiche di vendita. Prima di rientrare a Roma, la cantante partecipa ad alcuni spettacoli televisivi per presentare al pubblico francese il suo exploit canoro di puro stile discoteca.

E a proposito di disco music, Adriano Celentano è nei primi posti degli LP più venduti con “Tecadisk”, un album che rappresenta una garbata presa in giro della moda che sta dilagando anche nel nostro Paese. Il 33 giri, tutto in inglese, contiene sei tracce la più popolare delle quali è “When love”, dedicata alla moglie Claudia Mori.

C’è un nuovo album anche per Dario Baldan Bembo, ancora poco noto come interprete (anche se la sua “Aria” ha fatto il giro del mondo in 75 diverse versioni), ma molto famoso come autore di canzoni di successo di Mia Martini, da “Piccolo uomo” a “Donna sola”. Il titolo del nuovo 33 giri è “Migrazione”, e il primo singolo estratto è “Non mi lasciare”. Testi e musica delle otto tracce sono dello stesso Baldan Bembo che si avvale della collaborazione di noti musicisti come il chitarrista Sergio Farina e il batterista Tullio De Piscopo.

Ma vediamo la classifica dei 45 giri più venduti a metà ottobre del 1977. All’ottavo posto ci sono Gli Alunni del Sole con “A canzuncella”, settimi i Santa Esmeralda con “Don’t let me be misunderstood”. Si tratta del gruppo più popolare in Spagna in quel periodo, propongono un genere musicale che mixa il tradizionale flamenco con la disco music. La band è anche al primo posto dei 33 giri più venduti in Italia, con l’LP che ha lo stesso titolo del 45 giri.

Sesto posto per Laurent Voulzy con “Rockollection”, quinta Donna Summer con “I feel love”. La Summer era arrivata in Italia per la prima volta con un concerto alla Bussola di Viareggio, ed ora torna per partecipare alla Gondola d’Oro trasmessa in diretta dal Teatro Sistina di Roma. Al quarto posto Amanda Lear con “Tomorrow”, al terzo Boney M con “Ma baker.

Le prime due posizioni sono occupate da due cantanti italiani che hanno lo stesso nome di battesimo. Umberto Balsamo, che si era rivelato al Disco per l'estate di tre anni prima con “Bugiardi noi” è ora al secondo posto con “L’angelo azzurro”, mentre Umberto Tozzi, reduce dalla vittoria del Festivalbar che si era concluso il mese prima all’Arena di Verona, è in vetta alla classifica con “Ti amo”.