testata
Archivio Editoriali - 13 Febbraio 2016
a cura di Fiorenzo Pampolini

SANREMO 1986 E 2016. Allora come oggi in gara Ruggeri e gli Stadio

Cari amici, trent’anni fa, il 13 febbraio 1986 debuttava con la prima serata il trentaseiesimo Festival della Canzone Italiana di Sanremo. In questa edizione, sono ancora tre le serate del Festival (13, 14 e 15 febbraio), mentre dall’anno successivo diventeranno quattro e più avanti addirittura cinque come ai giorni nostri.

Presentatrice la bravissima Loretta Goggi, coadiuvata da tre dee-jay, noti per essere i conduttori della rubrica televisiva “Discoring”, Anna Pettinelli, Mauro Micheloni e Sergio Mancinelli. Dopo alcune edizioni nelle quali i cantanti si esibivano in play-back, si torna all’interpretazione dal vivo anche se su base musicale preregistrata.

Le canzoni in gara sono 36, 22 per la categoria Big e 14 per le Nuove Proposte. In quest’ultima, è in gara con la canzone “Scherzi della vita” Gigi Panceri, che qualche anno dopo tornerà al Festival con il nuovo nome d’arte di Gatto Panceri. Tra gli altri giovani, da segnalare Paola Turci, esclusa dalla finale con “L’uomo di ieri”, e Aleandro Baldi, secondo classificato con “La nave va”. Vince Lena Biolcati con “Grande grande amore”.

Tra i big ci sono alcuni graditi ritorni, come Fred Bongusto con “Cantare”, Sergio Endrigo con “Canzone italiana” e Orietta Berti con “Futuro”. In gara anche due nomi che ritroviamo nell’edizione 2016 del Festival, ovvero Enrico Ruggeri con “Rien ne va plus” e gli Stadio con “Canzoni alla radio”, e il papà di un’altra protagonista (Irene Fornaciari) di Sanremo 2016, Zucchero con “Canzone triste”.

Toto Cutugno propone “Azzurra malinconia”, Luca Barbarossa canta “Via Margutta, Scialpi “No east no west”, i Righeira “Innamoratissimo”.

Molto nutrita la partecipazione femminile anche con nomi di prima grandezza come Loredana Bertè (la cui uscita in scena con una finta pancia, simulando una gravidanza, suscitò molte polemiche) con la canzone “Re”, Rettore con “Amore stella”, Anna Oxa con “E’ tutto un attimo”, Marcella con “Senza un briciolo di testa”, Fiordaliso con “Fatti miei”, Rossana Casale con “Brividi”. E Rettore e Marcella se le cantarono anche dietro le quinte a seguito di una battuta cattivella da parte della bionda Donatella.

Il grande Mango partecipa per la prima volta tra i big con “Lei verrà”, e sua è anche la sigla di apertura del Festival, “Io nascerò”, interpretata da Loretta Goggi.

Da citare ancora tra i big Nino D’Angelo con “Vai”, Marco Armani con “Uno sull’altro”, e Flavia Fortunato con “Verso il 2000”, oltre ai due grandi nomi che ritroviamo sul podio.

Ed eccoci appunto alla proclamazione dei vincitori. Terza classificata Marcella con 2.170.986 voti, secondo classificato un Renzo Arbore in grande forma che propone una canzone piena di doppi sensi dal titolo “Il clarinetto” totalizzando 2.185.692 voti.

Al primo posto un giovane cantante romano che si era classificato al primo posto due anni prima tra le Nuove Proposte con “Terra promessa”, che l’anno successivo aveva portato in gara un grande successo come “Una storia importante” e che nell’edizione 2016 è stato superospite. Con 2.667.284 voti, vince il Festival di Sanremo 1986, Eros Ramazzotti con “Adesso tu”.

E facciamo un balzo in avanti di 30 anni per tornare ai giorni nostri quando è in pieno svolgimento la 66esima edizione del Festival di Sanremo. Mentre scriviamo questa nota, si è appena conclusa la quarta serata del Festival che ha laureato Francesco Gabbani con la canzone “Amen” come vincitore della categoria Giovani. Seconda Chiara Dello Iacovo con “Introverso”, terzo Ermal Meta con “Odio le favole”, quarto Mahmoud con “Dimentica”.

Parleremo più diffusamente di questo festival sabato prossimo, per ora posso dire che le canzoni in gara mi son sembrate tutte più o meno gradevoli. Ancora una volta, Carlo Conti è riuscito a selezionare una serie di canzoni che sicuramente passeranno molto in radio. Personalmente, sarà forse per motivi anagrafici, la mia preferita è “Cieli immensi” di Patty Pravo. Intanto, domani, vedremo quale canzone verrà ripescata dal televoto tra le ultime cinque classificate che – lo ricordiamo – sono “Blù” di Irene Fornaciari, “Di te e di me” degli Zero Assoluto”, “Mezzo respiro” dei Dear Jack, “Semplicemente” dei Bluvertigo, e “Sogni e nostalgia” di Neffa.