testata
Archivio Editoriali - 11 Luglio 2015
a cura di Fiorenzo Pampolini

CANTAGIRO 1965 (GIRONE A) - VINCE RITA PAVONE A SOLI DUE PUNTI DI DISTANZA DA GIANNI MORANDI.

Cari amici, la quarta edizione del Cantagiro prende il via il 23 giugno da Bari. La novità di maggior rilievo è l’inserimento nel tour di tre tappe internazionali. Il patron Ezio Radaelli vuol portare la musica italiana all’estero, e organizza così tre serate addirittura a Mosca, Francoforte e Vienna. A leggere il calendario di questa edizione, c’è da pensare alla reazione dei cantanti che si ritrovano ad esibirsi per esempio il 30 giugno a Modena, il 1° luglio a Mosca e il 2 luglio a Reggio Emilia!

Inoltre, è prevista la partecipazione ad ogni serata di un cantante lirico. Il 2 luglio per esempio, nella serata trasmessa in TV e in radio dalla Piscina Comunale di Reggio Emilia, c’è il soprano Marcella Pobbe. Presentano la serata Daniele Piombi e Dany Paris, mentre direttore di gara è l’attore Enrico Maria Salerno.

Vediamo ora la sequenza delle località toccate dalla festosa carovana: Bari, Trani, Foggia, Pescara, Fermo, Ancona, Ravenna, Modena, Mosca (URSS), Reggio Emilia, Marina di Massa, Sestri Levante, Genova, Palermo, Francoforte sul Meno (Germania Ovest), Vienna (Austria) e finale come sempre a Fiuggi, il 10 luglio.

Ed ecco il cast del Girone A (i BIG)

Mario Abbate - Ammore, pienzeme!                            
Nicola Di Bari - Piangerò                                            
Dino - Il ballo della bussola                             
Pino Donaggio - Sono nato con te                                 
Nico Fidenco - L’uomo che non sapeva amare              
Remo Germani - Dammi la prova                                  
Ricky Gianco - La mia voce                                       
Giancarlo Guardabassi - Torna, torna, torna                              
Vittorio Inzaina - Ti vedo dopo messa                             
Little Tony - Ogni mattina                                       
Los Marcellos Ferial - La casa del sole                                  
Michele - Dopo i giorni dell’amore                        
Gianni Morandi - Se non avessi più te                             
Donatella Moretti - Ti vedo uscire                                     
Paolo Mosca - Io ritorno a casa mia                            
Gino Paoli - Rimpiangerai, rimpiangerai                    
Rita Pavone - Lui                                                    
Tony Renis - Nessun’altra che te                              
Edoardo Vianello - Il peperone

                               
Il girone A presenta una serie di big campioni nelle vendite, ed inoltre due giovani che vi accedono praticamente di diritto. Il primo, Paolo Mosca, vincitore del girone B dell’anno precedente, è in gara con una canzone, purtroppo per lui, dal titolo profetico, visto che si classificherà ultimo con “Io ritorno a casa mia”, e infatti lascerà il mondo della canzone per tornare al giornalismo. Il secondo, Vittorio Inzaina, è promosso big dopo aver vinto Castrocaro ed aver quindi partecipato al Festival di Sanremo, ma anche per lui la classifica sarà crudele, visto che arriverà penultimo con “Ti vedo dopo messa”.

Risalendo la classifica troviamo Remo Germani, Ricky Gianco e Tony Renis. Poi al 14° posto Gino Paoli che interpreta una canzone non di grande successo come “Rimpiangerai rimpiangerai”, un motivo allegro ma dal testo malinconico (ma sul retro di quel 45 giri c’è la bellissima “Il poeta”scritta da Bruno Lauzi), al 13° posto Mario Abbate, un pesce fuor d’acqua in questa competizione rivolta prevalentemente ad un pubblico di giovani, con una canzone napoletana classica, ancora più su Nicola Di Bari e Giancarlo Guardabassi.

Al 10° posto, un classico da spiaggia come “Il peperone” di Edoardo Vianello, al 9° Dino con “Il ballo della bussola”, all’8° Little Tony (“Ogni mattina”), al 7° Donatella Moretti (“Ti vedo uscire”), al 6° Michele (“Dopo i giorni dell’amore”), al 5° Pino Donaggio (“Sono nato con te”), al 4° e 3° posto tornano i vincitori, primo e secondo posto, della prima edizione di “Un disco per l’estate”, rispettivamente Los Marcellos Ferial con “La casa del sole”, e Nico Fidenco con “L’uomo che non sapeva amare”.

Per le prime due posizioni, non c’è storia. Arriveranno alla finale testa a testa, anche se fino quasi alla fine era in testa lui, ma nella finale lei lo scavalca di soli due punti e si aggiudica la vittoria. A favorirla sono state anche le tappe straniere, soprattutto in Germania, dove lei era già molto popolare, e dove il suo nome era scritto sui manifesti a caratteri cubitali, suscitando le proteste dei colleghi.

Al secondo posto, con un’altra bellissima canzone di Migliacci-Zambrini ed Enriquez, “Se non avessi più te”, si classifica Gianni Morandi. E per soli due punti, 898 contro 896, con la canzone “Lui”, vince il Cantagiro 1965, Rita Pavone.