testata
Archivio Editoriali - 1 Novembre 2014
a cura di Fiorenzo Pampolini

NAPOLI CONTRO TUTTI. La Canzonissima del 1964

Cari amici, il nostro viaggio tra gli eventi musicali di 40 e 50 anni fa ci porta questa settimana a ricordare la “Canzonissima” del 1964.

In realtà, il titolo “Canzonissima” fu messo in soffitta dopo l’edizione del 1962, che tanti grattacapi aveva procurato ai funzionari della RAI per la conduzione fuori dagli schemi di Dario Fo e Franca Rame.

Forse per scaramanzia, nel 1963 viene addirittura eliminata la gara tra canzoni nel torneo abbinato alla Lotteria di Capodanno che viene gestito come una gara tra le regioni italiane con il titolo “Gran Premio”.

Il titolo “Canzonissima” tornerà in auge soltanto con l’edizione del 1968, mentre per il 1964 ci si inventa una gara nella quale la canzone napoletana sfida le canzoni del resto del mondo. Con il titolo “Napoli contro tutti”, e la conduzione del simpatico attore napoletano Nino Taranto insieme a Nadia Gray, la prima puntata va in onda il 30 settembre.

La sigla iniziale è cantata da Fred Bongusto ed ha per titolo “A ‘nnammurata mia”, mentre la sigla finale (“Napoli fortuna mia”) è interpretata da Renato Rascel.

Ripercorriamo in questa nota le prime cinque puntate, in ciascuna delle quali Napoli sfida una capitale estera (per l’Italia, la sfida è contro Milano, intesa come la capitale della musica leggera italiana).

Prima puntata (30 settembre): Napoli contro Parigi
O paese d’’o sole (Mario Del Monaco)               A Paris (Joceline Jocya)
Dduje paravise (Nino Taranto)                         Les feuilles mortes (Nana Mouskouri)
Ninì Tirabusciò (Renata Mauro)                       La vie en rose (Jacqueline François)
Funiculì funicolà (Tullio Pane)                         C’est si bon (Fud Leclerc)

Seconda puntata (7 ottobre): Napoli contro Madrid
Canzona appassiunata (Sergio Bruni)               Dimmelo in settembre (Maria Cuadra)
Core ‘ngrato (Franco Cotogno)                         La violetera (Encarnita Polo)
La cammesella (Aurelio Fierro)                        Andalusia (Paco Michel)
Marechiare (Tullio Pane)                                  El relicario (Lita Torello)

Terza puntata (14 ottobre): Napoli contro Berlino
‘O sole mio (Mario Del Monaco)                      Oho-aha (Helen Sedlak)
Luna rossa (Robertino)                                   Da te era bello restar (Helga Nary Chiussi)
Scapricciatiello (Aurelio Fierro)                    Liebelei (Elke Sommer)
Lariulà (Maria Paris)                                       Lily Marlen (Catherine Spaak)

Quarta puntata (21 ottobre): Napoli contro New York
Core furastiero (Nino Taranto)                         Beguin the beguine (Virginia Vee)
Dicitencello vuje (Alessandro Galluzzi)             Polvere di stelle (Jackie Trent)
Tarantella internazionale (Aurelio Fierro)      L’amore è una cosa meravigliosa(Neil Sedaka)
Scalinatella (Sergio Bruni)                             .  Ritmo a Broadway (Neil Sedaka)

Quinta puntata (28 ottobre): Napoli contro Vienna
Voce ‘e notte (Mario Del Monaco)                    Storielle del bosco viennese(AnnaliesHueckel)
Anema e core (Gigliola Cinquetti)                   Vienna Vienna (Erica Vaal)
‘A frangesa (Maria Paris)                                 Warum (Udo Jurgens)
Guapparia (Michele Accidenti)                        Il bel Danubio blù (Helen Sedlak)


Nelle prossime settimane vedremo le sfide successive, quelle del mese di novembre, ed infine rivivremo la serata finale del 6 gennaio 1965 con la lotta all’ultimo voto tra le 6 canzoni rimaste in gara.

Intanto, ci sono altri eventi da ricordare. La prossima settimana andremo a raccontare la prima edizione di una nuova gara canora che si svolse per la prima volta nel 1964, il Festival delle Rose, e rivivremo anche la finalissima di una manifestazione che soltanto nella sua prima edizione, quella appunto del 1964, si concluse fuori stagione per un complicato meccanismo di votazioni, ovvero “Un disco per l’estate” che in diretta radiotelevisiva da Saint Vincent, proclamò definitivamente i suoi primi vincitori il 24 ottobre di 50 anni fa.

Buona settimana a tutti!